/ CRONACA

CRONACA | 28 settembre 2020, 08:00

Stretta sanitaria sugli ingressi in Valle d'Aosta dalla Francia

Stretta sanitaria sugli ingressi in Valle d'Aosta dalla Francia

Importanti aggiornamenti alle nuove disposizioni già in vigore per le persone che intendono fare ingresso in Italia dalla Valle d'Aosta e che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato nelle regioni francesi Auvergne Rhône-Alpes,  Corse, Hauts-de-France,  Île-de-France, Nouvelle Aquitaine, Occitanie, Provence-Alpes-Côte d’Azur.

La Presidenza della Giunta regionale rende noto che "ai fini del contenimento della diffusione  del  virus  Covid-19 è obbligatorio comunicare il proprio ingresso nel territorio italiano; se il luogo di destinazione finale del soggiorno è la Valle d‘Aosta, la comunicazione dovrà essere indirizzata al Dipartimento di Prevenzione della Usl Vda per mezzo di e-mail all’indirizzo igiene.pubblica@ausl.vda.it allegando l’autodichiarazione giustificativa per l’ingresso in Italia dall’estero e un’attestazione di essere stati sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone con risultato negativo".

Qualora gli interessati non disponessero dell’Attestazione, dopo aver ricevuto la mail  il Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria locale  trasmetterà  i dati delle persone in ingresso in Italia agli operatori  del 118  per l'esecuzione del tampone naso-faringeo.

Risultano esenti dalle obbligazioni:

- chiunque (indipendentemente dalla nazionalità) fa ingresso in Italia per un periodo non superiore alle 120 ore per comprovate esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario;

- chiunque (indipendentemente dalla nazionalità) transita, con mezzo privato, nel territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore, con l’obbligo, allo scadere di detto termine, di lasciare immediatamente il territorio nazionale o, in mancanza, di iniziare il periodo di sorveglianza e di isolamento fiduciario;

- il personale sanitario in ingresso in Italia per l'esercizio di qualifiche professionali sanitarie

- i lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora;

- il  personale di imprese ed enti aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all'estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a 120 ore;

- i funzionari e agli agenti, comunque denominati, dell'Unione europea o di organizzazioni internazionali, agli agenti diplomatici, al personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, ai funzionari e agli impiegati consolari, al personale militare e al personale della polizia di Stato nell'esercizio delle loro funzioni;

- gli alunni e agli studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale ritornano ogni giorno o almeno una volta la settimana.

Per informazioni, contattare il numero verde: 800 122 121

L’obbligo di effettuare il tampone, come da ordinanza ministeriale emanata lo scorso 12 agosto, resta valido, con le esenzioni già previste,  per chi rientra dai seguenti paesi appartenenti all’Unione Europea: Croazia, Grecia, Malta e Spagna.

Ordinanza ministeriale: https://www.gazzettaufficiale.<wbr></wbr>it/eli/id/2020/09/21/20A05139/<wbr></wbr>sg

Autodichiarazione giustificativa per l’ingresso in Italia dall’estero

E’ possibile consultare alla pagina seguente del sito della Farnesina ogni aggiornamento alle misure previste:

https://www.esteri.it/mae/it/<wbr></wbr>sala_stampa/archivionotizie/<wbr></wbr>approfondimenti/emergenza-<wbr></wbr>covid-19-informazioni-dalle-<wbr></wbr>ambasciate-e-dai-consolati.<wbr></wbr>html

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore