/ CRONACA

CRONACA | 30 luglio 2020, 15:56

Fuggito dopo una lite, il dipendente dell'alpeggio da cui è partito il focolaio di Covid-19

Il contagio da Covid-19 è stato scoperto all'ospedale di Ivrea

Il contagio da Covid-19 è stato scoperto all'ospedale di Ivrea

Aveva litigato con il titolare dell'alpeggio e per questo se n'era andato; giunto a Ivrea, sentendosi male si era recato all'ospedale dove sottoposto a tampone era risultato positivo al Covid-19. Potrebbe esserci una storia di sfruttamento del lavoro irregolare, a monte del focolaio di coronavirus nell'alpeggio in località Fontaney di St-Barthelemy, comune di Nus, dove oltre al primo contagiato i pazienti sono ora saliti a nove.

Tutti sono in isolamento domiciliare, non presentano sintomi particolari ma di certo oltre agli accertamenti sanitari sull'azienda agropastorale ora sono in corso anche indagini dell'Ispettorato del lavoro. Da quanto sinora emerso, il lavoratore attendeva di essere regolarizzato ma i rapporti con l'allevatore che gestisce l'alpeggio erano sempre più tesi e al culmine di un litigio, perchè secondo il titolare il rendimento dell'extracomunitario era scarso, questi aveva abbandonato l'alpeggio. Il sindaco di Nus, Camillo Rosset, che segue con costante attenzione l'evolversi della situazione, ha parlato di "situazione delicata, che stiamo cercando di risolvere per il bene di tutti".

Sono invece tutti negativi gli esiti dei tamponi eseguiti sui 23 ospiti della microcomunità di Introd, sulle operatrici socio-sanitarie e sugli addetti alle pulizie della struttura. E' quindi rientrato l'allarme scattato dopo che una persona che era stata visitata in pronto soccorso e che era rientrata nella struttura per anziani era risultata positiva al primo tampone per il Covid-19, a cui era stata sottoposta a inizio settimana.

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore