CRONACA | giovedì 14 novembre 2019 06:48

CRONACA | 15 ottobre 2019, 12:33

Ricorso contro contributi affitti presentato a Tribunale Torino da ASGI e Rete antirazzista VdA

Giulio Gasperin e Patrizia Neri della Rete Antirazzista VdA

Giulio Gasperin e Patrizia Neri della Rete Antirazzista VdA

 Finisce in Tribunale a Torino il bando contributi affitti; ricorso di ASGI e Rete antirazzista VdA. Dopo aver inutilmente inviato una lettera sollecitando un confronto tecnico con la Giunta regionale, ASGI e Rete Antirazzista della Valle d’Aosta si sono mobilitate contro il bando 2018 per l’erogazione di contributi alla locazione a sostegno dei nuclei familiari non abbienti residenti in Valle d’Aosta (delibera 7.12.2018).

Il bando, secondo l’Associazione studi giuridici sull’immigrazione e  Rete antirazzista VdA,  contiene una serie di requisiti non previsti né dalla legge nazionale istitutiva del fondo, né da alcuna altra regione e che sono contrastanti con numerosi principi di diritto nazionale e comunitario.

In una nota spiegano che il bando prevede l’esclusione di coloro che hanno una residenza in Valle d’Aosta inferiore a 4 anni: seppur diminuito di un anno (la precedente norma, che la Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale con sentenza 166/18, richiedeva 5 anni di residenza) tale previsione esclude tutti coloro - italiani e stranieri – che siano giunti in regione negli ultimi anni ma anche coloro che, nati in Valle d’Aosta, abbiano spostato la propria residenza in altre regioni italiane o all’estero per poi rientrare.

“Va ricordato – aggiungono - che la Corte Costituzionale, nella citata sentenza, con riferimento al requisito di 5 anni, ha affermato che non vi è alcuna correlazione ‘tra il soddisfacimento dei bisogni abitativi primari della persona che versi in condizioni di povertà e sia insediata nel territorio regionale e la lunga protrazione nel tempo di tale radicamento territoriale’. In Valle d’Aosta i cittadini stranieri sono solo il 6.4% della popolazione e dunque per colpire un esiguo numero di stranieri si finisce per danneggiare anche un gran numero di italiani che, affrontando sacrifici, si spostano tra una regione e l’altra alla ricerca di condizioni migliori.

Il bando esclude, anche, i cittadini stranieri regolari che non possiedono un permesso di soggiorno di lungo periodo e che normalmente non hanno potuto ottenerlo perché in condizione di maggiore difficoltà economica e dunque appartenenti a nuclei familiari più fragili.   Altra limitazione è data dall’impossibilità di presentare la richiesta al fondo da parte dei cittadini stranieri che non riescano a dimostrare, con documenti del Paese di origine, di non essere proprietari di un alloggio nel paese di provenienza.

“Va ribadito in proposito – spiegano le due associazioni - che nessuna norma consente alla Regione di introdurre procedimenti differenziati per italiani e stranieri e che per gli uni e per gli altri, l’ISEE, quale unico strumento di valutazione dello stato di bisogno, attesta già la proprietà o meno di un immobile all’estero.

Le associazioni ritengono, inoltre, che le politiche di esclusione, indipendentemente dal loro fondamento legale, siano illogiche e contrastanti con gli interessi di tutti i cittadini della Valle d’Aosta.

“Gli interventi di contrasto alla povertà devono necessariamente essere rivolti a tutti coloro che risiedono su un territorio, ivi compresi gli stranieri, al fine di evitare situazioni di emarginazione che, oltre a essere eticamente inaccettabili, provocano conflitto sociale e vanno a danno di tutta la popolazione” affermano ASGI e Rete Antirazzista che invitano la Giunta regionale “a tornare sulle proprie scelte così da garantire che simili interventi di sostegno siano erogati avendo come riferimento il bisogno di tutte le persone residenti sul proprio territorio, senza ingiuste e illogiche esclusioni”.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore