/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 26 marzo 2024, 13:18

Europee: Il Pd candida Fulvio Centoz

La sera del 25 marzo, la Direzione del Partito Democratico della Valle d'Aosta si è riunita presso la sede in Corso Battaglione 13 C per discutere delle prossime elezioni europee del 2024

Fulvio Centoz

Fulvio Centoz

Il segretario Luca Tonino ha informato la direzione riguardo al mandato ricevuto, sottolineando che finora non sono emerse concrete possibilità di un'ampia coalizione che unisca gli autonomisti e i progressisti della regione.

Tale coalizione, però, rappresenterebbe una soluzione naturale per continuare l'alleanza che attualmente governa la città di Aosta, la Regione e che ha partecipato attivamente alle ultime elezioni politiche, ottenendo la nomina del deputato Franco Manes e sfiorando l'elezione del candidato Patrick Vesan al Senato.

Guardando avanti e mantenendo una linea politica coerente, le prossime elezioni di giugno offrono un'opportunità importante per affrontare temi cruciali riguardanti il futuro dell'Europa, delle regioni montane e delle sfide comuni che le popolazioni alpine affrontano. Tematiche come i cambiamenti climatici e il riscaldamento delle montagne, la necessità di preservare e potenziare i servizi essenziali (istruzione, sanità e trasporti) nelle aree montane, la questione dei valichi alpini e dei collegamenti con il resto dell'Europa, e la protezione dell'agricoltura di montagna e delle risorse idriche sono argomenti che possono unire i valdostani in una lotta comune per la salvaguardia di un ecosistema fragile come quello montano.

Dopo un'ampia discussione e tenendo conto dei contributi emersi, il segretario Luca Tonino ha proposto di candidare l'ex sindaco di Aosta, Fulvio Centoz, nella lista del PD nella circoscrizione nord-ovest. Si tratta di una candidatura aperta, un'opzione che si pone al servizio della Valle d’Aosta e non in opposizione a nessuno. Allo stesso tempo, rimane aperta la possibilità di un accordo con i movimenti autonomisti per un'apparentamento che dia voce alle minoranze linguistiche, nell'ambito di un più ampio accordo politico che tenga conto anche delle prossime elezioni regionali e comunali del 2025.

pi/elca

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore