/ CRONACA

CRONACA | 29 agosto 2022, 13:34

La Valle d'Aosta dichiara guerra alle violenze di genere

La Giunta regionale ha approvato il Piano triennale degli interventi. è diretto a orientare e coordinare l’azione di tutti i soggetti, pubblici e privati, in materia di sensibilizzazione, prevenzione e contrasto della violenza di genere

La Valle d'Aosta dichiara guerra alle violenze di genere

Il documento fissa gli indirizzi, definisce le priorità delle azioni da adottare per il raggiungimento degli obiettivi di cui alla legge regionale n.4 del 2013 (Interventi di prevenzione e contrasto della violenza di genere e misure di sostegno alle donne vittime di violenza di genere) ed è diretto a orientare e coordinare l’azione di tutti i soggetti, pubblici e privati, in materia di sensibilizzazione, prevenzione e contrasto della violenza di genere.

In particolare, tra le questioni che sono previste nella nuova pianificazione sono particolarmente significative le seguenti: l’operatività richiede un grande coordinamento, integrazione e coinvolgimento tra tutti i soggetti; la rete dei servizi coinvolti nella segnalazione e presa in carico delle donne vittime di violenza e, in un futuro prossimo, anche degli uomini maltrattanti, va curata costantemente, intervenendo laddove si rischia di perdere le buone pratiche, soprattutto per il turn over del personale; nel triennio 2017-2019 è stata incrementata l’attività di sensibilizzazione/promozione, che coinvolge un numero sempre maggiore di soggetti, sia nella progettazione, sia nella partecipazione alle iniziative e i giovani, in particolare, hanno risposto con proposte e progetti molto validi e centrati sul tema; le attività formative hanno svolto una duplice e importante funzione non limitandosi a fornire ad addetti ai lavori competenze e conoscenze specifiche (esempio operatori sanitari), ma permettendo l’emersione della pervasività di pregiudizi e stereotipi sulle identità e sui ruoli maschili e femminili, anche tra figure educative. Pertanto, momenti di apprendimento sugli aspetti culturali, alla radice delle discriminazioni di genere, dovranno essere proposti con costanza e continuità; un elevato numero di donne vittime di violenza rientrano al proprio domicilio, anche dopo un periodo di permanenza nella Casa rifugio per varie motivazioni: non hanno la forza di porre fine al rapporto con il loro compagno, non hanno risorse psicologiche ed economiche sufficienti ad affrontare un percorso di autonomizzazione, ecc…; il processo di empowerment sociale ed economico delle donne, volto a favorirne l’indipendenza e l’autonomia nelle scelte, nonché a ridurne la vulnerabilità e l’esposizione alla violenza, riveste quindi un ruolo fondamentale.

In Valle d’Aosta il problema della violenza di genere è di un certo rilievo e sul territorio ricoprono un ruolo fondamentale e strategico il Centro donne contro la violenza e la casa rifugio “Arcolaio”, due servizi cruciali che offrono tempestivo supporto e accoglienza alle donne sole o con figli minori vittime di violenza.

Per l’Assessore alla Sanità, Salute e Politiche sociali già da tempo la Valle d’Aosta ha riconosciuto il fenomeno della violenza di genere quale violazione dei diritti umani, identificandone le specificità, sistematizzando le attività di lotta al fenomeno e prevedendo il sistema di contrasto da realizzarsi sul territorio regionale con l’individuazione di ruoli e compiti. La violenza, sottolinea l’Assessore, oltre ad avere un enorme costo sociale e umano, a generare un danno psicologico profondo, danni fisici permanenti o addirittura la morte, determina anche un ingente costo in termini di spese sanitarie ed è necessario combattere tale fenomeno a livello strutturale e culturale, mettendo in campo tutte le azioni necessarie di prevenzione, protezione e sostegno, assistenza e promozione.

veyl

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore