/ CRONACA

CRONACA | 13 gennaio 2022, 08:00

Uk - Boris Johnson si è scusato per il party durante il primo lockdown del 2020

Lo sappiamo bene è lo dicono da sempre anche i maggiori esperti: ridere fa bene. E non solo, essere di buon umore ci consente di affrontare al meglio le giornate, relazionarci con le persone in maniera positiva ed è estremamente contagioso. Ecco perché abbiamo creato una nuova rubrica dedicata al buon umore: “Ridiamoci Sopra...”

Uk - Boris Johnson si è scusato per il party durante il primo lockdown del 2020

Il primo ministro britannico ha detto di aver creduto che fosse un evento di lavoro e di capire la rabbia nei confronti del governo.

Mercoledì il primo ministro britannico Boris Johnson si è scusato per il party che si era tenuto nel giardino della sua residenza di Downing Street a Londra la sera del 20 maggio del 2020, quando in Inghilterra era in vigore il primo lockdown per limitare la diffusione dei contagi da coronavirus.

Johnson ha detto di aver partecipato brevemente all’evento, credendo che si trattasse di un momento di lavoro, e di capire che molte persone possano provare rabbia nei confronti del governo a causa di quel party.

Johnson ha chiesto scusa durante un’audizione davanti ai parlamentari britannici, ma ha anche invitato tutti ad attendere i risultati dell’inchiesta in corso per accertare le presunte violazioni delle restrizioni. Rivolgendosi allo speaker della Camera dei Comuni, Lindsay Hoyle, ha detto:
Signor presidente, voglio chiedere scusa. So che negli ultimi 18 mesi milioni di persone in tutto il paese hanno fatto sacrifici straordinari. Comprendo l’angoscia che hanno provato – non potendo piangere i propri defunti, non potendo vivere le proprie vite nel modo in cui volevano o fare le cose che amavano. E capisco la rabbia che nutrono verso di me e verso il governo che guido, se pensano che nella stessa Downing Street le regole non vengano seguite con osservanza dalle stesse persone che le fanno.

E anche se non sono in grado di prevedere i risultati dell’inchiesta in corso, posso dire di sapere che ci sono cose che non abbiamo fatto bene, e me ne devo prendere la responsabilità. Il 10 [di Downing Street, ndr] è una sede molto grande con un giardino che è un’estensione dell’ufficio ed è stato utilizzato costantemente perché stare all’aria aperta serviva per fermare il virus. Quando ero uscito nel giardino appena dopo le 18 del 20 maggio del 2020 per ringraziare lo staff, per poi rientrare nell’ufficio per continuare a lavorare 25 minuti dopo, credevo in maniera implicita che si trattasse di un evento di lavoro.

Del party si era parlato negli ultimi giorni perché da una e-mail interna pubblicata dal canale tv britannico ITV era emerso che fossero state invitate più di 100 persone, in presunta violazione delle restrizioni per la pandemia.

Salvatore Battaglia Presidente Accademia delle Prefi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore