/ CRONACA

CRONACA | 13 gennaio 2022, 09:21

Avvio lavori per ripristino centro cottura Vivenda di Arnad

Poche ore dopo l’incendio, l’azienda ha riorganizzato il servizio per bimbi e degenti: refrigerato, fresco-caldo e un nuovo centro cottura in affitto assicurano pasti di qualità a tutti gli utenti

Avvio lavori per ripristino centro cottura Vivenda di Arnad

Un ristorante, un centro cottura preso in affitto e un veicolato dallo stabilimento di Nova Milanese. Così la Vivenda Spa, l’azienda del Gruppo La Cascina Cooperativa che ha in gestione il servizio di ristorazione per scuole e ospedali ad Aosta, ha riorganizzato l’attività per garantire pasti caldi ai propri utenti. Il tutto a pochissime ore di distanza dal terribile incendio che ha danneggiato il centro cottura di Arnad.

“Vorrei ringraziare tutti i miei collaboratori per l’impegno e la professionalità dimostrati in queste difficili circostanze. Riorganizzare il lavoro in breve tempo non è stato facile, per questo siamo ancora più orgogliosi e grati di aver raggiunto un importante obiettivo insieme alle istituzioni: assicurare la qualità delle nostre preparazioni ai bimbi delle scuole di Aosta, ai dipendenti della ASL e ai degenti dei nosocomi”.

A esprimere parole di ringraziamento per i lavoratori della Vivenda Spa è Alessandro Sgura, direttore di produzione della filiale Nord-Ovest. Che subito dopo precisa come “la qualità e la salubrità dei piatti sono scrupolosamente rispettate grazie anche agli alti standard di controllo affinati nel corso del tempo”.

I pasti destinati alle scuole sono prodotti nel centro cottura di Beuve di Sarre, quelli per i dipendenti della ASL sono preparati in una struttura di Aosta in regime fresco-caldo mentre per i degenti il refrigerato in multi-porzione arriva dal centro cottura di Vivenda a Nova Milanese. In quest’ultimo caso i vassoi vengono poi confezionati in un apposito locale della ditta di ristorazione e consegnati agli utenti dei nosocomi.

“Per quanto riguarda il centro cottura di Arnad – assicura Alessandro Sgura – sono iniziati i lavori di bonifica. Una volta messo in sicurezza lo stabilimento, provvederemo a ripristinare i flussi produttivi anche tramite l’acquisizione di nuove attrezzature”. “Il nostro obiettivo – conclude il dirigente – è di procedere speditamente e terminare gli interventi il prima possibile”.

 

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore