/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 08 settembre 2021, 13:01

L'OPINIONE DI ANGELO BRUNETTI: ADU e i suoi diritti & diritti

Sul Consiglio regionale straordinario del 15 settembre, c'è chi urla allo scandalo, ignorando che tale convocazione è collegata a solidi ancoraggi regolamentari e normativi; a meno che i diritti valgano soltanto per una determinata parte politica...

L'OPINIONE DI ANGELO BRUNETTI: ADU e i suoi diritti & diritti

Applicando alla politica valdostana la celebre frase calcistica 'Rigore è quando arbitro fischia' di Vujadin Boskov, questa si tradurrebbe in 'Diritti valgono solo e quando lo dice ADU'.

Parrebbe evincersi questo, dalla lettura del comunicato stampa diramato nella giornata di ieri da ADU - Ambiente Diritti Uguaglianza dell'ex consigliera regionale, Daria Pulz, in merito alla convocazione di un Consiglio regionale straordinario per il 15 settembre prossimo.

Un comunicato stampa sprizzante rancore misto a cadute di stile (quantomeno) proprio da parte di chi va sostenendo di avere fatto della difesa dei diritti e della lotta alle discriminazioni e all'odio i propri cavalli di battaglia.

Una battaglia, al di là del merito della sentenza della Terza Sezione Centrale di Appello della Corte dei Conti sui finanziamenti al Casinò, che dovrebbe essere combattuta o comunque che dovrebbe essere lasciata combattere anche quando questi diritti valgono per chi la pensa in modo politicamente diverso, anche perché, altrimenti, non ci troveremmo più di fronte a diritti universali e inviolabili come quelli alla vita, alla salute, a un giusto processo e/o alla possibilità di opporsi a una sentenza ritenuta ingiusta e lesiva delle prerogative di un determinato organo istituzionale, ma ci troveremmo di fronte a diritti giudicati di serie A e di serie B a seconda unicamente di chi li invoca.

E non credo sia questo lo Stato di diritto che i valdostani vogliono. A meno che ADU non intenda utilizzare risvolti giudiziari per approdare al rinnovamento della politica, perché il rinnovamento della politica passa giustamente, almeno per ora, attraverso la volontà degli elettori.

Angelo Brunetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore