/ CRONACA

CRONACA | 20 febbraio 2021, 11:13

'Ndrangheta, confiscati anche in Valle dalla Dia beni per quattro mln a un commercialista

'Ndrangheta, confiscati anche in Valle dalla Dia beni per quattro mln a un commercialista

Sono 38 e alcune sono in Valle d'Aosta, le proprietà del commercialista torinese Giuseppe Pontoriero sequestrate nell'aprile 2019 e confiscate in queste ore dalla Direzione investigativa antimafia-Dia insieme ad altri beni per un totale di quattro milioni di euro.

Pontoriero è accusato di aver favorito la criminalità organizzata, in particolare la 'ndrangheta, nel reimpiego di capitali e risorse economiche. Tra le strutture cui sono stati posti i sigilli, c'è anche il prestigioso agriturismo Cascina Scola a Rivoli, intestato a familiardi di Pontoriero.

L'operazione rientra nell'ambito dell'inchiesta Pioneer. Pontoriero, il cui nome compare anche come persona al corrente dei fatti nell'inchiesta 'Colpo di Coda' contro una 'ndrina a Chivasso, era già stato condannato in passato per reati specifici tra cui la violazione delle disposizioni contro la criminalità mafiosa e per reimpiego di denaro di provenienza illecita. ; per la Dia questa volta avrebbe facilitato le attività di riciclaggio di denaro messe in atto da altri due indagati, accusati di aver favorito la cosca Spagnolo.

Il sistema di riciclaggio, nonostante dichiarazioni dei redditi decisamente inferiori al tenore di vita sostenuto, coinvolgeva molte persone (molti famigliari) in un territorio che oltre al Piemonte coinvolge la Valle, la Liguria, la Puglia e la Calabria.

pa.ga.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore