/ CRONACA

CRONACA | 22 ottobre 2020, 17:47

Revocata la 'zona rossa', tornano liberi i residenti di Chambave, Saint-Denis e Verrayes

Fine dell'isolamento per tre comuni valdostani

Fine dell'isolamento per tre comuni valdostani

Il Presidente della Giunta regionale, Erik Lavevaz, in qualità di prefetto ha revocato il provvedimento che stabiliva la 'zona rossa' per i comuni di Saint-Denis, Verrayes e Chambave, adottato lo scorso 15 ottobre a causa della diffusione del Covid 19 in quella zona. A partire dalla mezzanotte di oggi decade quindi l'obbligo di isolamento. Nei giorni scorsi è stata avviata una campagna di screening con tamponi a tappeto sulla popolazione dei tre comuni che ha portato alla scoperta di 28 casi positivi che, sommati a quelli già noti, hanno portato il totale di contagiati a 72, su una popolazione complessiva di 2.558 abitanti.

Anche per queste tre realtà territoriali, come per l’intero territorio valdostano - si legge in una nota della Regione - rimangono in vigore le attuali disposizioni emanate dai DPCM 13 e 18 ottobre 2020, nonché le ordinanze regionali".     

"Dopo il confronto con le autorità sanitarie in merito ai risultati complessivi dell’attività di monitoraggio epidemiologico svolta all’interno dei tre territori comunali e d’intesa con i sindaci, abbiamo deciso di revocare i vincoli posti alla popolazione la scorsa settimana – dichiara il Presidente Lavevaz - lo screening sanitario ha isolato i casi positivi rilevati sulla popolazione presente nei tre comuni. Una situazione che ci permette di aprire di nuovo tutte le attività nelle zone interessate".

"Sicuramente, in questo momento - prosegue il comunicato - la situazione epidemiologica da Covid-19 in tutta la regione necessita di un’attenzione scrupolosa da parte del sistema d’emergenza, anche per il fatto che la Valle d’Aosta dispone di un solo presidio ospedaliero. Un’attenzione che, in particolare per i residenti nelle Rsa e per gli operatori che vi lavorano, abbiamo tradotto in un monitoraggio sanitario continuo e specifico".

"Solo con l’attenzione di tutti  - sottolinea Lavevaz - possiamo contenere l’epidemia per appropriarci di una nuova normalità. L’invito a tutta la popolazione è, quindi, quello di osservare scrupolosamente le indicazioni e i corretti comportamenti per limitare la diffusione del contagio, per proseguire il più possibile la quotidianità in famiglia, così come in campo sociale, scolastico ed economico".

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore