/ EVENTI E APPUNTAMENTI

EVENTI E APPUNTAMENTI | 17 luglio 2020, 17:00

Al via il Festival Combin en Musique tra musica e bellezze del territorio

Dal 22 luglio torna infatti in Val D'Aosta il Festival COMBIN EN MUSIQUE: l'apertura di questa kermesse che unisce musica e territorio quest'anno è una "Recherche" dall'Irlanda alla Scozia, dalla Francia al Nord Italia sulla cornamusa, strumento che già i padri latini chiamavano "Tibia Utricularis" unendo memoria simbolica, fotografica e spirituale. Protagonisti Fabio Rinaudo e Claudio De Angeli

Al via il Festival Combin en Musique tra musica e bellezze del territorio

Il Festival, che terminerà il prossimo 23 agosto con Flavia Barbacetto e Stefano Cabrera in "Cello Ribelle Almost3",  vede alla direzione artistica il genovese Federico Bagnasco  e sono diversi i Maestri liguri che compongono il programma, come sempre inusuale e coinvolgente. Tre i "punti cardinali" della manifestazione, quest'anno arricchita dalla collaborazione con il Consiglio regionale della Valle d'Aosta, cioè i Comuni di Doues, Valpelline e Ollomont. 

Il Festival è in coorganizzazione con Simona Oliveti, vicesindaco e assessore alla Cultura di Ollomont.

Tutti gli eventi sono  gratuiti e rispettano le normative anti Covid-19;  è preferibile la prenotazione tramite accesso al sito neocostituito: www.combinenmusique.com info: e-mail combinenarts@gmail.com

 

Con nove appuntamenti tematiciin luoghi suggestivi sia dal profilo naturalistico sia storico il Festival Combin en Musiqueritrova, da mercoledì 22 luglio a domenica 23 agosto, l’alto profilo che lo caratterizza e l’apertura verso un pubblico diversificato, sempre con accesso gratuito, in una dimensione “familiare” e accogliente.

Nato nel 2018 dalle idee e dalla coorganizzazione del musicista Federico Bagnasco con Simona Oliveti, Vicesindaco e Assessore alla Cultura di Ollomont, il Festival, arricchito dalla collaborazione con il Consiglio regionale della Valle d’Aosta, giunge alla terza edizione e insiste geograficamente su tre aree ricche di fascino, di una bellezza autentica e altamente simbolica: Doues, Ollomont e Valpelline.

I concerti, realizzati secondo tutte le normative di sicurezza sanitaria di legge, copriranno generi diversi tra loro (classico, popolare, tradizionale, sperimentale...), tenendo salda la missiondella manifestazione:unire la musica con l'ambiente circostante, la sensibilità alla bellezza dei luoghi con la propensione all’ascolto.

Il Festival Combin en Musique si regge sul personale volontario dell’associazione Combin en Arts, su diversi professionisti e, per la parte organizzativa, opera in sinergia con le amministrazioni comunalidi Doues, Ollomont e Valpelline. Del resto il Festival è proprio lo specchio della cultura in tutte le sue accezioni e un consolidato polo di aggregazione sociale.

Tra boschi incontaminati e maestose montagne il GrandCombinè testimone solo apparentemente silenzioso con i suoi 4314 mt di altezza dell’intera vallata, ma soprattutto delle storie e delle arti che vi si sono avvicendate nel tempo.

 

 

“Un criterio fondamentale per la programmazione artistica dei singoli eventi è proprio il legame tra performance musicale e suggestione del luogo prescelto - commenta l’operatrice culturale nonché Vicesindaco con delega alla Cultura di Ollomont, Simona Oliveti - ponendo attenzione al rapporto tra contesto e musica effettuata, non necessariamente in un'ottica tradizionale, ma anche evidenziando consonanze e accostamenti inediti. Arte e territorio sono inscindibilmente legati, lo abbiamo già dimostrato anche nelle passate edizioni rilevando per esempio l’importanza dell’architettura rurale con i nuclei più antichi, con i recuperi delle zone d’interesse culturale, con la tutela ambientale, con la valorizzazione della ruralità dall’agricoltura agli antichi saperi alla cucina sino alla storia del flusso turistico e all’importanza della ricettività, dei rifugi in alta quota”.

 

IL FESTIVAL

Con il primo evento “Racconti di cornamuse... Antichi suoni dell’Aria” mercoledì 22 luglio alle ore 18, nella cornice del piazzale davanti al magazzino di stagionatura della fontina, precisamente presso il Centro Visitatori Fontina, Frissonière Dessus a Valpelline. Protagonisti Fabio Rinaudocon Claudio De Angelialla chitarra in un viaggio sonoro tra Irlanda, Scozia e Nord Italia. Prevista degustazione di prodotti tipici preferibilmente su prenotazione o previa richiesta prima del concerto con la Cooperativa Produttori Latte e Fontina.

Martedì 28 luglio alle 17:30 “Omaggio a James Taylor” di Andrea Maddalone (voce e chitarra) per rilanciare i principali successi del songwriter americano con amore per la ricercatezza espressiva e con ironia, nella cornice di Champ Mort a Doues.

Venerdì 31 luglio alle 18 “Passe-temps for 4”con il Quartetto Italiano di Trombonicomposto da Diego Di Mario, 1° trombone dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Vincent Lepape, 1° trombone dell’Orchestra del Teatro Regio di Torino, Matteo De Luca, solo trombone dell’Orchestre de la Suisse Romande diGinevra, Devid Ceste, 2° trombone dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI. Verranno proposte alcune trascrizioni barocche e composizioni originali per questa formazione presso Plan Détruit, Doues.

Giovedì 6 agosto alle 16 sarà la volta de “La nuova vita delle Alpi”con letture di Enrico Camannisu musiche di Martin Mayes (corno e corno delle Alpi) e Gigi Biolcati (percussioni) in collaborazione con il festival CHAMOISic presso la Conca di By di Ollomont.

Lunedì10 agosto alle 22 il concerto a tema“Promenade tra le stelle nella notte di San Lorenzo” della pianista Valentina Messa offrirà un viaggio onirico, senza luci artificiali per godere dello spettacolo celeste,in un excursus tra la musica del XIX e del XX secolo presso il Prato delle Cascate, in località Barliard a Ollomont.

Giovedì 13 agosto alle 18 arriverà a Combin en Musique lo spettacolo “Oltre Swing” con Nunzio Barbieri alla chitarra e Francesco Barbieri al clarinetto, in una rilettura “più che swingata” di repertorio vario, spaziando dalla classica alla musica patriottistica italiana sino alla tradizione napoletana presso il centro storico di Valpelline.

Domenica 16 agosto alle 21 si terrà “Deep Conversations”, e sarà l’occasione di ascoltare uno dei più grandi bassisti italiani, che ha attraversato la musica italiana degli ultimi cinquant’anni, Ares Tavolazzi, e con lui in dialogo Federico Bagnasco, presso l’ingresso delle storiche miniere di rame, a La Cou, Ollomont.

Mercoledì 19 agosto alle 21 debutterà per la Valle D’Aosta dopo diverse presentazioni “Esperanto” con l’omonimo trio composto da Luca Falomi alla chitarra, Riccardo Barbera al contrabbasso e Rodolfo Cervetto alla batteria mettendo in relazione il jazz con altre correnti fino alla world music proprio come la lingua ottocentesca esperanto tentò di mettere insieme idiomi diversi per renderla comunicativa ed accessibile. Il concerto si terrà presso l’Anfiteatro, Centro Storico di Doues.

Conclude il Festival Combin en Musique l’evento del 23 agosto alle 18 “Cello Ribelle -Almost3”di Flavia Barbacetto(voce) e Stefano Cabrera (violoncello). Il concerto si terrà presso Le Fonderie, La Fabrique, a Valpelline.

 

 

 

 

Files:
 pieghevole web (380 kB)

red. spe.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore