/ Il rosso e il nero

In Breve

lunedì 22 giugno
venerdì 05 giugno
giovedì 21 maggio
sabato 16 maggio

Il rosso e il nero | 02 giugno 2020, 08:00

ELOGIO DEL "TOSCANO"

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E' IN AGGUATO -

ELOGIO DEL "TOSCANO"

"E mi sovvien l'eterno e le morte stagioni e la presente e viva..." Così Leopardi nel suo immenso "L'Infinito". Ne ho scritto in passato su lettere inviate a non ricordo più chi. Ma la nostalgia a volte mi riprende e domina. Nostalgia, dal greco "nostos" che significa ritorno. L'altra componente del termine è "algos" che vuol dire sofferenza.

Tutto sommato, la nostra esistenza è un continuo girare intorno, è un continuo tornare al passato e termina al punto da cui eravamo partiti, il nulla. Ma esiste anche una nostalgia dolce (nostalgia vuol dire anche ricordo), una sorta di ossimoro che ha anche a che fare con certi ricordi, a volte incentivati da abitudini che fanno parte del nostro modo di essere. Per questo, oggi, voglio tessere l'elogio del "toscano".

Il sigaro a cui mi riferisco. Lo fumo ormai da tempo immemorabile e il mio preferito è il toscano "Originale". E' un sigaro fatto a mano. La foglia di tabacco  viene arrotolata direttamente sulla gamba dell'operaio della manifattura di Lucca con la stessa tecnica usata nell'ottocento. Non so se avete visto mai le venature di una foglia di tabacco. Sono come i segni che si notano sul dorso di una mano e che somigliano tanto ai percorsi accidentati della nostra vita. Ho cominciato a fumare a quattordici anni con le "Nazionali" senza filtro. Le rubavo dal taschino interno della giacca di mio padre (ma credo che lui fosse consenziente) e le fumavo utilizzando  una specie di bocchino ricavato dal cappuccio di una penna stilografica.

Una successiva esperienza "tabagistica" proviene dal fumare le "Stop" senza filtro: una vera bomba. Me le regalava, dal di dietro della cattedra, la mia professoressa di latino e greco al Ginnasio-Liceo di Cerignola quando chiedevo di andare al cesso. Me le regalava anche perché ero bravo ad azzeccare gli "aoristi", una forma verbale che "si pone al di fuori della tradizionale contrapposizione tra un aspetto imperfettivo e quello perfettivo. Per questo l'aoristo si presta ad essere impiegato nella narrazione e può essere tradotto con i tempi del passato". Sembra quasi il mio identikit! Già, il passato.

Ebbene, per me accendere il toscano è come accendere un interruttore, che mi riporta alle passate stagioni. E quello "Originale" (definito pestilenziale dai miei), che fumo ormai solo dopo i pasti, quando lo espiro mi fa tornare con i ricordi alle "Nazionali" di mio padre e alle "Stop" della mia professoressa di greco con i suoi aoristi. Care figure ormai consegnate agli archivi del tempo, ma che bastano poche volute di fumo, che si levano voluttuose in spirali azzurrine, per farle riemergere.

Del resto, cari lettori di "Valledaostaglocal", ad una certa età, lo sguardo è rivolto più al passato che a un futuro incognito.                                  

Romano Dell'Aquila

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore