/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 25 maggio 2020, 14:59

E. Rini 'bene modifica a fallimentare legge fondi Covid'; Adu, 'ora terza legge'

E. Rini 'bene modifica a fallimentare legge fondi Covid'; Adu, 'ora terza legge'

Prime reazioni politiche alla decisione unanime presa questa mattina dal Consiglio Valle di estendere la platea dei beneficiari delle misure di sostegno economico contro la crisi collaterale al Covid-19.

 

 

Emily Rini

 

 

 

"Modificare una legge dopo appena un mese dalla sua approvazione, dimostra il fallimento di tale provvedimento" ha scritto sul suo profilo Fb Emily Rini, presidente dell'Assemblea e coordinatrice regionale di Forza Italia, commentando l'esito della seduta lampo.

"E' esattamente quello che è accaduto questa mattina in Consiglio -  spiega Rini - convocato per modificare diverse parti della legge regionale anticrisi del 17 aprile scorso. Una legge che fui l'unica a non votare, proprio per tutti i limiti che tale provvedimento dimostrava già prima ancora della sua applicazione pratica". Secondo Rini, che oggi ha votato a favore, "con queste modifiche si riuscirà finalmente a fare arrivare qualche soldino in tasca a chi ne ha più bisogno in questo momento".

In una nota, il Movimento Ambiente Democrazia Uguaglianza-Adu sottolinea che "con la terza legge di aiuti si dovrà procedere, solo a giugno in grave ritardo, con un disegno più agile e significativo e con criteri meno contorti".

Per la consigliera di Adu, Daria Pulz, "bisognerà tornare a investire e anche procedere con l'erogazione di indennizzi in modo da non creare ulteriore debito, affinché gli aiuti ridiano vigore al tessuto economico e sociale valdostano e garantiscano i livelli occupazionali, e anzi li migliorino"

"Auspichiamo - prosegue Pulz - che il Consiglio tutto si impegni affinché l'ulteriore provvedimento rispecchi in modo più accurato le esigenze economiche e lavorative delle categorie più esposte, anche in previsione dell'imminente difficile stagione turistica, nella prospettiva di raccogliere le sfide di un possibile e necessario rilancio di tutte le criticità produttive, sociali e culturali, in una situazione ancora incerta dal punto di vista sanitario". 

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E' IN AGGUATO

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore