/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 27 dicembre 2019, 15:32

Scendete o fateli scendere dal taxi

Siamo in pugno a dei politichini senza scrupoli che sono persino riusciti a portare la Valle d’Aosta all’esercizio provvisorio perché incapaci di ragionare, guardare gli interessi della Valle

Scendete o fateli scendere dal taxi

E’ ora di finirla. O scendete dal taxi o fateli scendere. Avete schifato il 70% dei valdostani. Se non vi garbano le direttive del partito o del movimento tornate dove siete venuti.

Tutti quanti avete avuto più di quello che avete dato. Non contenti state svergognando l’intera Valle d’Aosta. Altro che autodeterminazione. Altro che autonomia. Siete solo degli approfittatori, gonfi di arroganza e presunzione. Fuori da piazza Deffeyes, se non avete la fortuna di essere liberi professionisti o dipendenti pubblici, non siete più nessuno.

Siamo in pugno a dei politichini senza scrupoli che sono persino riusciti a portare la Valle d’Aosta all’esercizio provvisorio perché incapaci di ragionare, guardare gli interessi della Valle. (leggi articolo su esercizio provvisorio) Politichini che fanno gli offesi se il partito detta la linea da seguire. Linea  dettata a larga maggioranza dagli organi statutari che loro stessi hanno eletto. Vasco Rossi ha detto “Siamo in un periodo teso in cui le paure sono risvegliate da politici senza scrupoli”.

La Petite Patrie sta fallendo per colpa di politichini senza scrupoli. Se il taxi che avete preso per portarvi in piazza Deffeyes non è più di vostro gradimento scendete. Altrettanto faccia il taxista; si fermi il prima possibile e faccia scendere i passeggeri insoddisfatti. Meglio una corsa a vuoto che correre il rischio di essere rapinati della nostra autonomia dei nostri principi del nostro essere valdostani.

Il 70% dei valdostani non vi sopporta più. Tornate alle vostre mansioni e andate a far danni da un’altra parte. I Valdostani sono fiaccati da quintali di personalismi, invidie, incapacità  gelosie, drammi. Siamo soffocati da commistioni, inganni e ombre. Stiamo pagando a caro prezzo l’aver dato fiducia a gente che ora gioca con il nostro voto. Date un segno dignità e orgoglio personale; se ne avete. Andatevene.

Chi non gradisce le indicazioni del partito o del movimento si dimetta. Prendete esempio da quei consiglieri che si sono dimessi senza essere obbligati. Prendete esempio da Antonio Fosson, Stefano Borrello, Laurent Vierin e Luca Bianchi che si sono dimessi dal Consiglio senza avere alcun obbligo ma solo per rispetto del Consiglio stesso e dei valdostani.

E voi da quell’atto di responsabilità ora fate il gioco delle tre carte per gabbare i valdostani. Voi l’onore proprio non sapete cos’è. A voi interessa solo il lauto compenso. E se proprio dobbiamo tenerceli fino alle elezioni fateli scendere dal taxi e che  proseguano il loro cammino a piedi come mendicati che chiedono l’elemosina perché non hanno parte né arte.

piero.minuzzo@gmail.com

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore