ECONOMIA | lunedì 16 settembre 2019 17:16

ECONOMIA | 03 luglio 2019, 11:00

Dal 1° settembre codice identificativo riferimento (cir) per case ed appartamenti vacanze

Dominidiato ‘Le pressioni di Confcommercio hanno dato i risultati sperati nella lotta all’abusivismo e alla trasparenza nell’offerta

Dal 1° settembre codice identificativo riferimento (cir) per case ed appartamenti vacanze

Confcommercio Valle d’Aosta esprime apprezzamento per il Decreto Crescita nella parte che introduce il Codice Identificativo che entrerà in vigore il primo settembre. “Abbiamo così uno strumento utile - commenta Graziano Dominidiato - Presidente di Confcommercio VdA - per migliorare l’offerta e semplice per contrastare l’ abusivismo nel settore, che danneggia quanti operano nel rispetto delle leggi”.

Presso il Mipaaft sarà istituita una banca dati delle strutture ricettive e degli immobili destinati alle locazioni brevi presenti sul territorio nazionale, individuati da ‘codice identificativo’, da utilizzare in ogni comunicazione inerente all'offerta e alla promozione dei servizi all’utenza.

(nella foto Dominidiato e Adriano Valieri, presidente e direttore di Confcommercio VdA)

Dal 1° settembre il Codice identificativo di riferimento (CIR) dovrà essere indicato su tutti gli strumenti pubblicitari e di promozione  e commercializzazione dell’offerta, online e offline. E l’obbligo di esposizione sarà a carico di chiunque pubblicizzi, promuova o commercializzi: gestori stessi, intermediari immobiliari, gestori di portali telematici.

“Finalmente – aggiunge Dominidiato – anche che l’Italia ha regolamentato  questo fenomeno da tempo adottato in campo europeo e internazionale”. Confcommercio ha portato avanti, aggiunge Dominidiato, “una battaglia di correttezza e trasparenza non per fini di parte, ma per interesse anche dei consumatori e contro l’evasione fiscale”.

Per l'entrata in vigore del codice identificativo, il governo deve ancora emettere i decreti attuativi; nel frattempo è auspicabile che anche la Regione Valle d'Aosta, così come altre regioni hanno già fatto, legiferi in materia.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore