/ FEDE E RELIGIONI

FEDE E RELIGIONI | 13 giugno 2024, 08:00

PAPA: Fin dal primo giorno la guerra è una sconfitta, lottiamo con forza per la pace

Al termine dell'udienza generale, Francesco invita ancora a non dimenticare "la martoriata Ucraina" ma anche Palestina, Israele, Myanmar e i tanti Paesi che sono in guerra. E ricorda che domani la Chiesa celebra sant'Antonio da Padova, predicatore e protettore dei poveri e dei sofferenti, chiedendo di seguirne l'esempio, diventando "testimoni credibili del Vangelo"

PAPA: Fin dal primo giorno la guerra è una sconfitta, lottiamo con forza per la pace

Alessandro Di Bussolo

"Oggi ci vuole la pace, la guerra sempre, fin dal primo giorno, è una sconfitta". Papa Francesco chiede a tutti, ancora una volta, al termine dell'udienza generale di oggi, di non dimenticare "la martoriata Ucraina", ma anche la Palestina, Israele, il Myanmar e i tanti Paesi che sono in guerra.  E rinnova il suo invito:

Preghiamo per la pace. Che il Signore ci dia forza per lottare sempre per la pace.

Il saluto ai fedeli di Frosinone, che festeggiano il patrono

Nel salutare i fedeli di lingua italiana, il Papa si era appena rivolto in particolare a quelli della Diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino, accompagnati dal vescovo Ambrogio Spreafico, che celebrano il 1500.mo anniversario della morte del santo Pontefice Ormisda, patrono della città di Frosinone. Aveva salutato inoltre la “Volley Academy Piacenza” che si impegna “a promuovere un ambiente sportivo sicuro, in collaborazione con il servizio diocesano per la tutela dei minori”, e i partecipanti al Foro Accademico Sociale e Lavorativo dell’Industria dell’Energia, promosso da Scholas Occurrentes.

<aside class="article__readmore inEvidence">

<article>

 

&lt;figure class="teaser__image"&gt;

<picture> <source data-original-set="/content/dam/vaticannews/agenzie/images/srv/2024/06/12/2024-06-12-udienza-generale/1718179038332.JPG/_jcr_content/renditions/cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg" media="(min-width: 768px)"></source> <source data-original-set="/content/dam/vaticannews/agenzie/images/srv/2024/06/12/2024-06-12-udienza-generale/1718179038332.JPG/_jcr_content/renditions/cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg" media="(min-width: 340px)"></source> <source data-original-set="/content/dam/vaticannews/agenzie/images/srv/2024/06/12/2024-06-12-udienza-generale/1718179038332.JPG/_jcr_content/renditions/cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg"></source> Francesco: portate il Vangelo in tasca, leggerlo è importante per la vita </picture> </figure>

</article>

</aside>

<aside class="article__readmore inEvidence">

<article>

All'udienza il Papa ha proseguito la catechesi sullo Spirito Santo, ispiratore della Sacra Scrittura e fonte di ispirazione per ogni persona. L'indicazione ai sacerdoti: le omelie ...

</article>

</aside>

Sant’Antonio di Padova e la Parola che “sazia la mente”

Infine aveva ricordato che domani, 13 giugno, verrà celebrata la memoria liturgica di sant’Antonio di Padova, sacerdote e dottore della Chiesa, augurandosi che “L’esempio di questo insigne predicatore, protettore dei poveri e dei sofferenti, susciti in ciascuno il desiderio di proseguire il cammino della fede e imitare la sua vita, diventando così testimoni credibili del Vangelo”. Di sant’Antonio, nato a Lisbona, ha parlato anche ai pellegrini di lingua portoghese, ricordando alcune sue parole: “Se leggi Gesù, egli ti sazia la mente”. Incoraggia quindi tutti “a meditare la Sacra Scrittura. In essa, Gesù ci rinvigorisce e illumina la nostra vita”.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore