/ AMBIENTE

AMBIENTE | 15 aprile 2024, 10:00

Crisi climatica, WWF: minaccia numero uno per la salute

La crisi climatica è diventata una delle principali minacce per la salute con implicazioni drammatiche che si estendono in tutto il mondo

Crisi climatica, WWF: minaccia numero uno per la salute

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il cambiamento climatico è responsabile di oltre 250.000 morti aggiuntive all’anno nel periodo compreso tra il 2030 e il 2050. In occasione della giornata mondiale della salute questa previsione spaventosa evidenzia l’urgente necessità di affrontare la crisi climatica non solo come una questione ambientale, ma anche come una crisi sanitaria che richiede azioni immediate e decisive.

In occasione della Giornata mondiale della salute il WWF ha lanciato un appello: agire subito per limitare e fermare il riscaldamento globale, abbattendo le emissioni di gas serra (CO2, metano, ecc.) e prendendo tutte le misure di adattamento necessarie, per limitare i danni che il cambiamento climatico già in atto sta provocando e tutelare così anche la stessa salute delle persone.

Il legame tra cambiamento climatico e salute è complesso e multifattoriale. Le temperature in aumento, le ondate di calore, le catastrofi naturali più intense e frequenti come le alluvioni, i terremoti, gli incendi boschivi, la diffusione di malattie infettive, l’inquinamento atmosferico e l’insicurezza alimentare sono solo alcune delle sfide che la crisi climatica presenta per la salute pubblica.

Le ondate di calore rappresentano una delle minacce più immediate. Nell’estate del 2022, tra i 60.000 e i 70.000 decessi prematuri in Europa sono stati attribuiti al caldo. Le temperature record possono colpire chiunque causando insolazioni, colpi di calore, disidratazione e nei casi più a rischio persino la morte. I loro effetti possono essere amplificati dalle infrastrutture inadeguate e dall’accesso limitato all’acqua potabile o all’aria condizionata

Le catastrofi naturali connesse al cambiamento climatico, come le tempeste di vento o pioggia e gli incendi boschivi, non solo provocano danni diretti alle persone e alle comunità, ma possono anche causare gravi problemi di salute pubblica. L’inquinamento dell’aria causato dagli incendi può innescare o aggravare problemi respiratori come l’asma e le malattie polmonari croniche. Le inondazioni, invece, possono contaminare le riserve d’acqua potabile, aumentando il rischio di malattie trasmesse dall’acqua come la dissenteria.

Inoltre, il cambiamento climatico ha il potenziale di alterare la distribuzione geografica e la stagionalità delle malattie infettive. Le zone precedentemente non endemiche potrebbero diventare vulnerabili a malattie a causa dell’aumento delle temperature che favoriscono la proliferazione degli insetti vettori. Ciò potrebbe portare a epidemie impreviste e a un aumento dei casi di malattie tropicali in aree precedentemente non esposte.

L’inquinamento atmosferico è un altro grave problema di salute pubblica legato al cambiamento climatico. Le emissioni di gas serra e altri inquinanti atmosferici provenienti da fonti industriali, veicoli e processi agricoli non solo contribuiscono al riscaldamento globale, ma possono anche danneggiare gravemente i polmoni e il sistema cardiovascolare umano. L’esposizione prolungata all’inquinamento atmosferico è associata a un aumento del rischio di malattie respiratorie, come l’asma e la bronchite, così come a malattie cardiovascolari, ictus e cancro.

Affrontare la crisi climatica richiede un’immediata azione globale su più fronti. È essenziale ridurre le emissioni di gas serra, transitare verso un’economia basata sulle energie rinnovabili, migliorare la resilienza delle comunità alle catastrofi naturali, garantire l’accesso all’acqua potabile e all’aria pulita, promuovere pratiche agricole sostenibili e ridurre l’inquinamento atmosferico.

 La salute deve diventare un aspetto centrale nei piani di adattamento al cambiamento climatico e un motivo in più per abbattere rapidamente le emissioni di gas climalteranti. Nell’Accordo di Parigi i Paesi di tutto il mondo si sono impegnati a contenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 °C: se riduciamo le emissioni, ne beneficerà anche la salute globale che corre gravi rischi. Del resto, il tema di quest’anno del World Health Day è quello di sostenere il diritto di tutti, ovunque, ad avere accesso a servizi sanitari, istruzione e informazione di qualità, oltre che ad acqua potabile, aria pulita, buona alimentazione. La crisi climatica mette a rischio ognuno di questi diritti.

Bruno Albertinelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore