/ ECONOMIA

ECONOMIA | 26 febbraio 2024, 13:05

Nuovi incentivi per l'innovazione imprenditoriale in Valle d'Aosta

Le modifiche apportate ai massimali di contributo per gli investimenti innovativi rappresentano un'importante evoluzione della politica economica regionale

Luigi Bertscky

Luigi Bertscky

Innanzitutto, l'aumento dei massimali per le piccole e medie imprese indica un chiaro impegno da parte della Giunta nel sostenere e incentivare lo sviluppo delle imprese di dimensioni più contenute, che spesso costituiscono il tessuto economico fondamentale di una regione.

"L'aumento dei finanziamenti disponibili - spiega il vice presidente della REgione e Assessore allo Sviluppo, Luigi Bertschy - avrà un impatto significativo sull'attrattività della regione per gli imprenditori e gli investitori, incoraggiando la crescita e l'innovazione all'interno delle imprese esistenti e agevolando la creazione di nuove realtà imprenditoriali".

Inoltre, l'introduzione di una maggiore percentuale di finanziamento per investimenti non innovativi alle imprese industriali e artigiane dimostra una volontà da parte delle autorità regionali di fornire sostegno anche a settori tradizionali dell'economia, che possono comunque contribuire in modo significativo alla crescita e all'occupazione.

Queste modifiche, quindi, non solo favoriscono l'innovazione e lo sviluppo imprenditoriale, ma indicano anche una visione equilibrata che tiene conto delle esigenze di diverse tipologie di imprese presenti sul territorio regionale. In definitiva, si tratta di misure che mirano a promuovere una crescita economica sostenibile e inclusiva, contribuendo così a rafforzare la competitività della regione nel contesto nazionale e internazionale.

Le modifiche riguardano principalmente le dimensioni delle imprese e i relativi importi massimi di contributo. In particolare:

  • Per le piccole imprese, il massimale di contributo è stato aumentato da 80.000 a 150.000 euro.
  • Per le medie imprese, il massimale è stato innalzato da 150.000 a 300.000 euro.
  • Per le grandi imprese, il massimale rimane stabile a 300.000 euro.

Inoltre, è stata introdotta un'importante modifica riguardante la percentuale di finanziamento concedibile per investimenti non innovativi alle imprese industriali e artigiane. Tale percentuale è stata aumentata al 30% delle spese ammissibili, offrendo così un maggiore supporto finanziario a questo tipo di investimenti.

Una decisione significativa adottata dalla Giunta è stata l'approvazione della partecipazione della Regione alla Start Cup Piemonte Valle d’Aosta edizione 2024. Questa iniziativa è finalizzata alla promozione della nascita di startup innovative presso gli incubatori di impresa della regione. Si inserisce nella più ampia strategia regionale di specializzazione intelligente (S3), che mira ad attrarre nuovi insediamenti innovativi e sostenere la nuova imprenditorialità.

Questa partecipazione rappresenta anche un importante passo nell'attuazione del Progetto strategico "Supporto allo sviluppo delle imprese insediate e da insediare in Valle d’Aosta", evidenziando l'impegno della regione nel promuovere l'innovazione e lo sviluppo imprenditoriale sul territorio.

pi.eco.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore