/ Walser

Walser | 15 luglio 2022, 08:00

SASSO KLEINER – FERRATA HARRY POTTER A GRESSONEY LA TRINITÈ

Di Lodovico Marchisio – Foto di Roberta Maffiodo

Maso Kleiner

Maso Kleiner

A Gressoney la Trinitè è stata allestita una brevissima “Via ferrata”, chiamata Harry Potter, con una fune per la carrucola (attualmente non attiva), un breve ponticello su un unico cavo e una parete di roccia con la messa in opera anche di prese artificiali per l’arrampicata. La via ferrata può essere un ottimo sistema di avvicinarsi alla montagna, ma di solito esse sono piuttosto impegnative per un bambino, o dislocate in luoghi con accessi un po’ lunghetti, in questo caso quindi ben venga l’allestimento del Sasso o Masso Kleiner trovando l’interessato qualcosa di comodo ed estremamente corto per provare le varie manovre e imparare il corretto uso del materiale prima di lanciarsi su vie ferrate più lunghe ed impegnative.

Passaggio iniziale via ferrata

Va da sé che i bambini vanno comunque seguiti dai genitori lungo tutta la via ferrata e per i più piccoli e quelli al primo approccio è bene assicurarli con una corda aggiuntiva al kit da ferrata o appoggiarsi alle guide locali se i genitori non conoscono a perfezione le manovre da eseguirsi su una ferrata. Infine solo a titolo collaborativo e non di certo in tono polemico, perché la via ferrata è stata studiata e ideata ad arte con gli scalini a misura di “bimbi”, suggerirei di rendere più sicura anche la discesa che si snoda subito e destra della cima, in quanto il ripido sentiero, inizialmente in traverso, è reso un po’ scivoloso dall’erba che lo riveste e corre vicino al precipizio, quindi una fune di sostegno a cui assicurarsi eviterebbe ogni possibile sdrucciolone. Poi, puramente per quanto mi riguarda, dopo aver fatto provare alla mia compagna Roberta, essendo alle primissime armi, solo il tratto iniziale per insegnarle le manovre essenziali, lei è rimasta nel prato sottostante a farmi il servizio fotografico. Non vedendomi però arrivare si è inerpicata sul ripido sentiero che porta all’unico brevissimo tratto strapiombante della discesa, dove vi sono 3 scalini e una corda usurata per tenersi, che sarebbe eventualmente da sostituire con un pezzo di cavo. Il suo arrivo è stato per me provvidenziale, perché pur con le mie patologie invalidanti, grazie alla mia passata esperienza alpinistica, sono voluto salire fino in cima per l’intera ferrata da solo, attratto dalla brevità del percorso, ma giunto in discesa al tratto su citato, per la mia difficoltà nei movimenti, se non c’era Roberta ad assistermi e aiutarmi a mettere i piedi sui gradini, non visibili dall’alto, allestiti sotto il brevissimo strapiombo, avrei potuto fare per scendere un passo azzardato con conseguenze spiacevoli per la mia malandata colonna vertebrale … Ma questo è stato un mio azzardo che non fa testo e citato solo per onor di cronaca.

La parte centrale

SCHEDA TECNICA

 Nome Montagna: Sasso o Masso Kleiner

Quota: 1685 m

Cenni generali: Il Sasso Kleiner si trova esattamente in mezzo al “Baby Snowpark” della località sciistica di Gressoney La Trinité facente parte del comprensorio del “Monterosa Ski”, davanti al parcheggio degli impianti, quindi con avvicinamento brevissimo, perché basta attraversare il ponte sul fiume, molto comodo quando ci si sposta con bambini per avere l'auto vicina al luogo d’arrampicata. Accanto alla ferrata "Harry Potter" sono presenti 9 "monotiri" di arrampicata. Le 5 vie a sinistra della ferrata sono veramente semplici con chiodatura ravvicinata, mentre le 4 a destra sono verticali, ma con prese in resina applicate alla roccia, quindi ben ammanigliate. 

Difficoltà: Media difficoltà per il “Pont de Singe” e i 2 brevissimi tratti leggermente strapiombanti.

Accesso: Autostrada Torino – Aosta. Uscire a Pont Saint Martin e raggiungere il grande parcheggio del “Baby Snowpark” sito a Gressoney la Trinitè.

Dislivello e sviluppo totale: circa 60 m

Ore salita: 0,30 h

Ore Discesa: 0,20 h

Totale ore: 0,50 h


Traverso su ponte a cavo unico

Descrizione itinerario: Dagli spiazzi di parcheggio, posti dalla parte opposta del torrente Lys rispetto agli impianti di punta Jolanda, si continua a camminare lungo la sponda destra orografica per circa 50 metri. Giunti presso i giochi per i bambini a sinistra si scorge nel prato l’enorme Sasso, con accanto un recinto e una statua in legno scolpita. Si raggiunge l’inizio della “Via ferrata” consistente in un breve tratto inclinato con 4 scalini che porta ad un brevissimo tratto strapiombante che si supera di braccia per pervenire ad un tratto facile che conduce in breve ad un breve ponticello su un unico cavo (pont de singe) a cui segue un tratto un po’ strapiombante e più lungo del precedente (un po’ più di braccia) raggiungendo in breve una piattaforma (che serve come punto di lancio per la “Tyrolienne” quando è in funzione). Per raggiungere la cima seguire un tratto facile anche se verticale di scalini che conducono al prato sommitale. 

La parte finale

Discesa: subito a destra dell’arrivo in vetta per un ripido e scivoloso sentiero in mezzo all’erba che scende a lato dello strapiombo (attenti a non scivolare perché sprotetto) sino a un passo atto a scendere un breve strapiombetto con una fune di corda logora e 3 scalini, 2 dei quali non visibili dall’alto perché posti sotto il rigonfiamento roccioso. Scesi alla base un ripidissimo sentiero riporta alla partenza della ferrata e al prato sottostante.

Con chi la si è effettuata: da solo

Data fatta: 9 luglio 2022

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore