/ AMBIENTE

AMBIENTE | 09 giugno 2022, 12:41

Cogne: A Valnontey il giardino dei ghiacciai

L’inaugurazione del percorso del Giardino dei Ghiacciai oggi con una camminata che ha il suo avvio dal Paradiso Park Frazione Valnontey, a Cogne e che si snoda lungo i sentieri e le iscrizioni storiche incise ai bordi dei Ghiacciai del Parco

Cogne: A Valnontey il giardino dei ghiacciai

In mezzo, un secolo di storia, di stagioni, di passi lungo i sentieri, di natura che compie i suoi cicli. Quest’anno è il centesimo compleanno del Parco Nazionale del Gran Paradiso, il parco nazionale più antico d’Italia. FRoSTA celebra questo importante anniversario della natura, con l’inaugurazione del Giardino dei Ghiacciai che si inserisce nel progetto della Carovana dei Ghiacciai, la campagna ideata e realizzata da Legambiente assieme al Comitato Glaciologico Italiano per monitorare la salute dei ghiacciai, messa a serio rischio dagli effetti dei mutamenti climatici. Già inaugurato lo scorso 13 settembre, oggi il sentiero che lega clima, natura e arte, si arricchisce di cinque nuove installazioni che invitano i visitatori a riflettere sul presente, passato e futuro dei corpi glaciali.

Con questa azione sono state recuperate le iscrizioni storiche incise negli ultimi 150 anni ai bordi dei ghiacciai lungo la Valnontey, per segnarne il limite e analizzarne il ritiro, e che nel tempo sono parzialmente scomparse. Grazie alle ricerche del Comitato Glaciologico italiano e a questa iniziativa di valorizzazione, i segnali sono stati ritrovati e oggi nuovamente accessibili e visibili sia agli studiosi, sia ai visitatori del Parco. Il percorso tra i segnali crea dunque un vero e proprio sentiero, il Giardino dei Ghiacciai, che trasforma un’eredità scientifica in un patrimonio culturale sul cambiamento climatico. Il progetto è impreziosito da Segnali dal Corpo Glaciale opera d’arte diffusa realizzata da Andrea Caretto e Raffaella Spagna, artisti contemporanei che esplorano il confine tra arte, ambiente e paesaggio ed espongono in musei, gallerie e istituzioni pubbliche e private, in Italia e all’estero. Così l’arte diventa il mezzo per raccontare alla società civile la necessità di un cambiamento, diventando un valido alleato delle valutazioni scientifiche. L’opera è composta da cinque rocce su cui sono state incise altrettante parole che invitano i visitatori alla riflessione sul corpo glaciale, al suo passato e ai suoi possibili futuri: limite, istante, emissario, distacco e segnali. Le rocce sono poste a fianco delle incisioni storiche e delle piccole sculture in bronzo, frutto di una performance artistica di ceromanzia tenutasi nel 2021.

 

Anche per il 2022 il progetto è un intervento con valenze sociali, ambientali, scientifiche e culturali, che nasce e si sviluppa per sensibilizzare sulla crisi climatica e per porre l’attenzione sulla salvaguardia dei ghiacciai, elemento fondamentale per l’equilibrio del pianeta. Valori a cui da sempre FRoSTA è legata poiché ha deciso di produrre cibo in maniera naturale e rispettosa dell’ambiente, sposando la scelta di essere 100% naturale e mettendo al centro della propria filosofia aziendale il rispetto per l’equilibrio del pianeta.

A inaugurare il Giardino dei Ghiacciai sono Felix Ahlers, CEO FRoSTA AG; Gianluca Mastrocola, AD FRoSTA Srl; Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente; Vanda Bonardo, responsabile Alpi di Legambiente; Alice De Marco, direttrice di Legambiente Piemonte e VDA; Marco Giardino, Università degli studi di Torino, insieme ad altri esperti del Comitato Glaciologico Italiano; Bruno Bassano, direttore Parco Nazionale del Gran Paradiso; Alberto Rossotto, guardaparco del Parco Nazionale del Gran Paradiso; gli artisti Andrea Caretto e Raffaella Spagna; il suonatore di cornamusa Valerio Zanchetti; Barbara Grappein, geologa della Valnontey.

Gianluca Mastrocola, AD FRoSTA Srl, afferma: “Credo da sempre che la responsabilità sociale, ambientale ed economica sia dovere e impegno di ogni impresa: questo per FRoSTA è un impegno concreto, che si esplica nella tutela della natura, dei ghiacciai, delle foreste, dei parchi naturali. Come azienda abbiamo un grande interesse a far sì che la natura sia protetta, perché senza la natura i nostri prodotti non possono esistere. Per questo vogliamo aumentare ulteriormente il nostro impegno in difesa dell’ambiente e siamo contenti di continuare questo percorso a fianco di Legambiente per il terzo anno consecutivo.”

“I ghiacciai sono le sentinelle del cambiamento climatico. — ha commentato Giorgio Zampetti, direttore generale Legambiente — Da qui nasce questo affascinante progetto che si pone l’obiettivo di far riflettere sull’importanza della loro tutela, raccontando l’SOS che da tempo ci lanciano le nostre montagne, attraverso diverse forme di comunicazione, tra cui l’arte e il contatto con la natura. Una situazione allarmante, che non risparmia i ghiacciai del Parco Nazionale del Gran Paradiso: stando agli ultimi rilevamenti di Carovana dei Ghiacciai 2021, campagna realizzata in collaborazione con il Comitato Glaciologico Italiano, in meno di due secoli, i 90 corpi glaciali presenti, hanno perso circa il 65% della loro superficie, passando da circa 88 km2 a meno di 30 km2. Dati che ci raccontano la necessità di agire a livello internazionale, con efficaci misure di mitigazione e di adattamento.”

Per approfondimenti https://www.legambiente.it/<wbr></wbr>articoli/segnali-dal-corpo-<wbr></wbr>glaciale/.

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore