/ ATTUALITÀ ECONOMIA

ATTUALITÀ ECONOMIA | 08 ottobre 2021, 16:31

Savt '15 ottobre 2021: green pass uguale disservizi?'

La data del 15 ottobre 2021 è ormai alle porte e ieri, come SAVT FP, a seguito di una nostra richiesta indirizzata a tutte le Amministrazioni del comparto, abbiamo incontrato la delegazione trattante di parte pubblica dell'Amministrazione regionale, al fine di comprendere quale modello organizzativo ci si volesse dare a partire da metà mese

Savt '15 ottobre 2021: green pass uguale disservizi?'

Il dibattito, dapprima impostato sulle modalità di controllo del green pass, massivo o a campione, e  di comunicazione dell'eventuale assenza del dipendente, laddove sprovvisto  del certificato, si è poi incentrato sulla necessità di garantire a tutti i lavoratori, sia pubblici che privati, le condizioni per poter lavorare.

Ed il Savt ha  preso l'inziativa di chiedere al Presidente della Regione "di vigilare attentamente affinché nessun lavoratore si trovi nell'impossibilità di prestare il proprio servizio perché non è riuscito a prenotare, nelle tempistiche previste, il necessario tampone: in tal senso, se le strutture private  preposte non riescono a soddisfare le richieste, bisognerà potenziare il servizio pubblico".

In una nota il sindacto spiega poi di aver "rimarcato la necessità di creare una corsia riservata  per i lavoratori, che devono e/o vogliono fare il tampone, e che sono occupati nei servizi essenziali: questo perché ci riesce difficile immaginare, per esempio, che una squadra di Vigili del Fuoco, in caso di soccorso, possa attendere  il collega in fila per il tampone prima di partire".

Per il Savt, infatti, "partire senza alcuni colleghi, significherebbe non poter rendere la prestazione in condizioni ottimali, e questo a discapito della sicurezza sul luogo di lavoro e del servizio reso alla cittadinanza. Discorso, questo, estendibile a tutti quei servizi che sono ritenuti per legge essenziali".

Ma la richiesta è caduta nel vuoto perché, spiega la nota, "la parte datoriale, infatti, preferisce affidarsi “al buon senso dei lavoratori”! Noi abbiamo la sensazione che dalle parti della caserma dei Vigili del Fuoco, e non solo,  il buon senso regni sovrano tra i lavoratori già da tempo, e che forse si stia aspettando quello del datore di lavoro, che tarda ad arrivare: l'organizzazione del lavoro, in particolar modo in detti servizi, non può essere  rimessa solamente al buon senso".

Durante l'incontro il sincatao di Claudio Albertinelli ha "ribadito la necessità di prevedere un incentivo, da definire in seconda battuta, per coloro che saranno incaricati dell'accertamento della certificazione verde e della contestazione delle violazioni, compiti piuttosto ingrati  che genereranno sicuramente  discussioni quotidiane. Tale corrispettivo, in ossequio con il quadro normativo vigente, non dovrà generare alcun costo aggiuntivo: a tal fine può essere adoperato il fondo unico aziendale, che tante volte è stato utilizzato per situazioni organizzative particolari, con buona pace di tutte le organizzazioni sindacali".

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore