/ CRONACA

CRONACA | 30 luglio 2021, 12:18

Soccorso alpino, 'basta folli a camminare sui ghiacciai in scarpette, pantaloncini e canotta'

Soccorso alpino, 'basta folli a camminare sui ghiacciai in scarpette, pantaloncini e canotta'

E' stato fotografato dalle guide del Soccorso alpino valdostano sulla via normale del Breithorn, a quota 4000 metri. Difficile trovare un termine adeguato e contemporaneamente non offensivo per qualcuno che affronta un ghiacciaio in alta quota con scarpette e privo di abbigliamento tecnico adeguato, né di scarponi, ramponi, casco e corda. Procede da solo, in una zona ad alto rischio di presenza di crepacci.
“È evidente che tale condotta sia molto pericolosa – spiega il direttore del Soccorso alpino valdostano-Sav, Paolo Comune – perché in caso di caduta in crepaccio questa persona ha pochissime possibilità di sopravvivenza. Oltre alle conseguenze dovute alla caduta e allo sfregamento contro il ghiaccio, la permanenza nel crepaccio, con tale equipaggiamento, non consente la necessaria protezione dal freddo e l’ipotermia severa, che può verificarsi in tempi molto brevi, può portare alla morte. Purtroppo, nonostante i numerosi appelli alla prudenza, questi comportamenti sono molto frequenti. Per questo motivo torniamo a ribadire l’assoluta necessità di muoversi, in montagna, con attrezzatura e abbigliamento adeguati, con le opportune conoscenze del territorio e con la massima prudenza”.
Trasmettiamo anche la fotografia dell’intervento di recupero di un alpinista portato a termine in primavera sul Breithorn,

Poco distante da luogo in cui sono state scattate le foto, in primavera era stato recuperato un alpinista a una profondità di circa 20 metri, semi-sepolto dalla neve che formava il “ponte” che ha ceduto facendolo cadere nel crepaccio. Tratto in salvo, era in buone condizioni fisiche perchè era equipaggiato in maniera adeguata.

pa.ga

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore