/ ECONOMIA

ECONOMIA | 12 aprile 2021, 13:17

Fondamentali vaccinazioni in azienda ma si devono evitare false aspettative

Nicola Rosset, Presidente della Chambre, commenta la possibilità di effettuare le vaccinazioni anticovid nelle aziende

Nicola Rosset, Presidente della Chambre

Nicola Rosset, Presidente della Chambre

In accordo con il Governo, il 6 aprile 2021, è stato sottoscritto il Protocollo condiviso di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2/COVID-19 negli ambienti di lavoro, che aggiorna e rinnova i precedenti accordi, su invito del Ministro del lavoro e delle politiche sociali e del Ministro della salute, tenuto conto dei precedenti provvedimenti adottati, ultimo il DPCM 2 marzo 2021.

"I vaccini costituiscono - commenta il presidente della Chambre, Nicola Rosset - senza ombra di dubbio l’unica soluzione a questa pandemia e quindi certamente tutto quello che può in qualche modo favorire una qualsivoglia accelerazione per tentare di uscire da questa crisi è ben accetto. In questo senso ben venga quindi la possibilità di effettuare vaccini anche nelle imprese".

Rosset però invita "a non creare false aspettative e bisogna che le regole siano molto chiare, anche in termini di responsabilità penale per gli imprenditori, proprio per evitare di generare ulteriore confusione. Il rischio infatti è che le aziende si attivino per mettere in atto procedure che poi, per un motivo o per un altro, possano risultare non solo irrealizzabili, ma anche un ulteriore costo senza nessuna vantaggio".

Il presidente della Chambre, sottolinea, infatti, che "gli ampi spazi richiesti e la complessità del piano da attivare implicano una dimensione dell’azienda che solo limitatamente a pochi casi si sposerebbe con le piccole e piccolissime realtà imprenditoriali valdostane".

Rosset ribadisce, però: Bben venga quindi la possibilità di fare i vaccini, ma credo sia importante non creare l’illusione che tutti gli imprenditori potranno farlo nella propria azienda". Il presidente della Chambre si dice certo che "nel caso in cui questa prospettiva si dimostrasse praticabile, sarà necessario che le aziende del territorio lavorino insieme per cercare di cogliere questa possibilità. Questa crisi ormai non ha più confini o settori e dobbiamo fare in squadra per cercare di uscire da questo difficile momento". 

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore