/ CRONACA

CRONACA | 12 marzo 2021, 09:00

Un WC intelligente che analizza automaticamente urine e feci

Si tratta di uno scanner che a ogni seduta valuta le fattezze dello sfintere dell’utente, studiandone le grinze e creandone un’inconfondibile profilatura.

Un WC intelligente che analizza automaticamente urine e feci

Dopo la smart TV, lo smart watch e lo smart phone, ora tocca ai sanitari di casa diventare “smart”. Partorito dalla Stanford University, il progetto è stato svelato recentemente con una pubblicazione sul Nature Biomedical Engineering. Superata una prima fase di facile ironia ci si rende conto che la macchina ha uno scopo effettivo e che questo è tutt’altro che superfluo: automatizzare l’analisi delle feci e delle urine.

Dei sensori di movimento applicati all’interno della tazza attivano una serie di test su quanto appena deposto. Le urine ricevono un approfondito controllo molecolare, mentre gli escrementi si limitano a una più rudimentale analisi fisica. I risultati registrati vengono quindi inviati a un database cloud che, in un ipotetico futuro, li condividerà con il medico curante del soggetto poggiato sul gabinetto.

Una serie di hardware e software che possono essere montati su servizi igienici standard, per tracciare biomarcatori in grado di dare informazioni sullo stato di salute, analizzando urine e feci degli utenti, sono presentati in un articolo pubblicato sulla rivista Nature Biomedical Engineering.

Questa “toilette intelligente”, che opera in modo autonomo, consentirebbe alle persone di monitorare i dati sulla propria salute e consentire studi di screening, diagnosi e monitoraggio dei pazienti.

Una tecnologia in grado di valutare costantemente lo stato di salute di un individuo

Una tecnologia in grado di misurare ripetutamente lo stato di salute di un individuo, in modo non invasivo ed economico, faciliterebbe la prevenzione e la previsione delle malattie, nonché diagnosi e decisioni terapeutiche più precise.

Tuttavia, la maggior parte delle tecnologie utilizzate per monitorare la salute di una persona spesso non produce dati processabili con facilità e integrabili nel flusso di dati clinici del singolo paziente.

I potenziali benefici per la salute di questo evoluto servizio igienico dovranno essere valutati in ampi studi clinici. Sarà inoltre necessario ottimizzare il sistema con i dati di base dell’escrezione delle popolazioni umane. Sebbene alcuni dei moduli nella “toilette intelligente” di prova siano stati costruiti e testati solo per servizi igienici utilizzati in posizione seduta, e partecipanti maschili in piedi, gli autori osservano che le future implementazioni del sistema di questa toilette amplieranno il suo uso e potrebbero includere ulteriori analisi biochimiche e biofisiche degli escrementi umani.

red. pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore