/ CRONACA

CRONACA | 02 agosto 2020, 20:53

Aosta e gli Alpini valdostani salutano Luigi Enea 'andato avanti'

Luigi Enea

Luigi Enea

Ad Aosta e un pò ovunque in Valle lo ricordano tutti con il cappello da alpino perennemente calato sulla fronte, lo sguardo fiero e buono della 'Penna nera' sempre in prima fila per aiutare qualcuno in difficoltà, per organizzare un gara di solidarietà o i volontari della sicurezza in qualche manifestazione.

Luigi Enea, 67 anni gran parte dei quali dedicati a servire la Patria e chiunque avesse bisogno di lui, è morto nel pomeriggio di oggi domenica 2 agosto. "Era ricoverato da alcune settimane a Torino - ricorda l'ex commilitone alpino e giornalista Rai in pensione Carlo Gobbo - ha lottato con tanto coraggio, sino alla fine contro il male che lo affliggeva".

Gobbo ricorda che "il suo amore per il cappello alpino era diventato per tutti noi un riferimento importante e la sua Alpinita' lo aveva fatto giungere sino al grado di Luogotenente. Era il Past Capo Gruppo dell'Aosta ed è stato Luigi a trasmettermi il testimone alla guida di una delle più gloriose 'famiglie' di alpini valdostane".

Mancherà a tutti gli Alpini valdostani "la sua presenza ai Mercatini di Natale, al Banco Alimentare, all'Operazione Stella Alpina, mancheranno la sua simpatia, la sua ironia, la sua bontà. Luigi, che il tuo cammino sia glorioso sul sentiero che porta al Paradiso di Cantore...".

La data delle esequie non è stata ancora comunicata.

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore