/ CRONACA

CRONACA | 13 luglio 2020, 10:30

Portici di Palazzo regionale sempre più discarica nell'indifferenza dei 'custodi del bene pubblico'

Portici di Palazzo regionale sempre più discarica nell'indifferenza dei 'custodi del bene pubblico'

Il demoralizzante spettacolo, al lunedì mattina, è divenuto abituale e anche tra i dipendenti regionali che si sono sempre stupiti e lamentati per l'apparente indifferenza degli amministratori pubblici verso il bene comune, c'è solo più rassegnazione. Tutti i giorni ma in mondo particolare sabato e domenica, come dimostra la gallery fotografica, i portici del Palazzo regionale sono luogo prescelto da gruppi di giovani per abbandonarvi immondizie di ogni tipo, residui di ore trascorse a bivaccare in piazza Deffeyes.

Oggi raccontare i diversi episodi di inciviltà e vandalismo è fare un mero copia-incolla di articoli con i quali Aostacronaca e altre testate locali hanno cercato di portare l'attenzione delle istituzioni sul problema, inutilmente.

Solo il lockdown ha tenuto lontani per poco più di due mesi i bulli sporcaccioni dai portici del pubblico Palazzo, poi tutto è tornato come prima con in più, tre settimane fa, una rissa in pieno giorno sotto gli occhi dei passanti. Le segnalazioni di qualche volenteroso alle Forze dell'ordine sono servite poco o nulla e per questi ragazzi anche le videocamere installate recentemente è come non esistessero.

Incuria, insolenza, aggressività: triste a dirsi, ma quanto accade all'esterno del Palazzo sembra lo specchio di ciò che da tanti mesi sta succedendo all'interno: consiglieri regionali e amministratori in perenne gazzarra e preoccupati di salvar soprattutto se stessi dalla paventata débacle alle imminenti elezioni, chiudendo gli occhi e tappandosi le orecchie di fronte a tutto ciò che possa distogliere l'obiettivo, come ad esempio dedicare del tempo a insegnare ad adolescenti irrispettosi un minimo di educazione. Ma non erano loro i 'custodi del bene pubblico'?

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore