/ ATTUALITÀ

ATTUALITÀ | 23 maggio 2020, 08:48

Oggi la Giornata nazionale della Legalità

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E' IN AGGUATO -

Una delle foto storiche di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

Una delle foto storiche di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

Niente Nave della Legalità, niente incontri con gli studenti, nessuna celebrazione di gruppo. Ricorre oggi sabato 23 maggio, mestamente come vuole la Fase 2 dell'emergenza Covid-19 la Giornata nazionale della Legalità.

E' celebrata in ricordo delle stragi di Capaci e di via d’Amelio del 1992, costate la vita al giudice Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo, al giudice Paolo Borsellino e agli agenti di scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi e Claudio Traina.

"E’ importante ricordare tutte le vittime del terrorismo, della mafia, del dovere e di ogni forma di criminalità, anche in questo particolare momento della nostra storia in cui – come ha dichiarato la professoressa Maria Falcone – sorella del magistrato ucciso dalla mafia il 23 maggio 1992 - si è scelto di celebrare il coraggio degli italiani che si sono messi al servizio del Paese in uno dei momenti più drammatici della sua storia recente. Medici, infermieri, esponenti delle Forze dell’ordine, insegnanti, militari, volontari della Protezione civile, farmacisti, commercianti, rider, impiegati dei supermercati. Donne e uomini che hanno reso straordinario il loro ordinario impegno mostrando un’etica del dovere che richiama uno dei più grandi insegnamenti che ci ha lasciato Giovanni Falcone".

"Il pensiero di legalità – dichiara il Presidente della Giunta, Renzo Testolin - ci riconduce, in questo particolare momento storico, al comportamento rispettoso delle regole e del prossimo che ha caratterizzato l’atteggiamento delle valdostane e dei valdostani che in questi mesi hanno dato un bell’esempio di senso civico e di attenzione alle norme".

Per il Presidente Testolin "è importante ribadire che questo senso di responsabilità e di osservanza delle regole continui in tutti gli ambiti nel prossimo futuro in modo che le nostre azioni possano così onorare concretamente l’esempio lasciatoci dai giudici Falcone e Borsellino".

L'assessore regionale all'Istruzione, Chantal Ceretan, ricorda che "promuovere la legalità, soprattutto nelle giovani generazioni e nella scuola, è una delle mission dell’assessorato Istruzione che, attraverso il coordinamento del Tavolo Corresponsabilità educativa e legalità e ai percorsi di Cittadinanza, ha posto al centro del suo lavoro questa tematica. In questo momento, il nostro vissuto legato all’emergenza sanitaria e sociale drammatica che abbiamo vissuto e stiamo vivendo, può essere elaborato attraverso quei valori di responsabilità, solidarietà e impegno che i giudici Falcone e Borsellino ci hanno insegnato".

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore