/ FEDE E RELIGIONI

FEDE E RELIGIONI | 22 maggio 2020, 18:00

Domani sabato 23 maggio saint Didier

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E’ IN AGGUATO - Padre, dicendo il Rosario devo stare attenta all'Ave o al mistero? — All'Ave, salutare la Madonna nel mistero che contempli. L'attenzione deve essere posta all'Ave, al saluto che rivolgi alla Vergine nel mistero che contempli. In tutti i misteri Ella era presente, a tutti partecipò con l'amore e il dolore. (San Pio da Pietrelcina)

Domani sabato 23 maggio saint Didier

AGENDA DEL VESCOVO DI AOSRA MONS. FRANCO LOVIGNANA

Domenica 24 maggio
Cattedrale - ore 10.00
S. Messa Solennità dell'Ascensione
Lunedì 25 maggio
ore 18.00-20.00
Riunione informale in video conferenza del Consiglio Pastorale Diocesano
Martedì 26 maggio
ore 8.30-12.30
Riunione in video conferenza del Comitato CEI per la valutazione
dei progetti di intervento a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto
Sabato 30 maggio
Cattedrale - ore 9.30
S. Messa Crismale
trasmessa anche in diretta radiofonica su Radio ...Proposta in Blu
Domenica 31 maggio
Cattedrale - ore 10.00
S. Messa nella Solennità di Pentecoste
Iniziazione Cristiana di una Catecumena

Le Messager Valdotain ricorda sabato 23 maggio saintDidier

La Chiesa celebra  San Desiderio di Langres (o da Genova) Vescovo e martire

La sua esistenza nel secolo IV, è garantita da sant'Atanasio che lo indica come partecipante del Concilio di Sardica (oggi Sofia) nel 343; il suo nome compare anche negli atti del pseudo-concilio di Colonia del 346. San Desiderio, che occupa il terzo posto nella lista dei vescovi di Langres in Francia, sembra fosse originario di San Desiderio, nei dintorni di Genova. Varnacario, chierico di Langres, scrisse un racconto del suo martirio, dove spiega che Desiderio sarebbe stato decapitato durante un'invasione dei Vandali; probabilmente c'è confusione nelle tradizioni locali, perché Langres ebbe diverse invasioni barbariche. Una leggenda dice che dopo la decapitazione, il vescovo raccolse la sua testa e rientrò in città, attraverso una fenditura della roccia che si era aperta per farlo passare. Questa apertura viene mostrata ancora oggi.

 Il sole sorge alle ore 5,46 e tramonta alle ore 20,56

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore