/ FEDE E RELIGIONI

FEDE E RELIGIONI | 10 maggio 2020, 00:10

Oggi domenica 10 maggio saint Antonin

"In questi giorni, in alcune parti del mondo si sono evidenziate alcune conseguenze della pandemia. Una di queste è la fame. Si comincia a vedere gente che ha fame perché non può lavorare, perché non aveva un lavoro fisso e per tante circostanze. Si comincia già a vedere il dopo, quello che avverrà più tardi, ma incomincia adesso. Preghiamo per le famiglie che cominciano a sentire il bisogno a causa della pandemia”. (Papa Francesco)

Oggi domenica 10 maggio saint Antonin

VESCOVO DI AOSTA, MONS. FRANCO LOVIGNANA

Domenica 10 maggio
Cattedrale - ore 10.00
S. Messa quinta Domenica di Pasqua
trasmessa in diretta su Radio Proposta in Blu (fm e streaming)

Lunedì 11 maggio
ore 16.30
Riunione in video conferenza del Comitato Casa della Carità

Martedì 12 maggio
ore 8.30-12.30
Riunione in video conferenza del Comitato CEI per la valutazione
dei progetti di intervento a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto

Mercoledì 13 maggio
ore 8.30-12.30
Riunione in video conferenza del Comitato CEI per la valutazione
dei progetti di intervento a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto

ore 15.00-17.00
Riunione in video conferenza della Consulta nazionale
dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto

Cattedrale - ore 18.00
S. Messa in suffragio dei defunti di questo tempo di restrizione
trasmessa in diretta su Radio Proposta in Blu (fm e streaming)

Domenica 17 maggio
Cattedrale - ore 10.00
S. Messa sesta Domenica di Pasqua
trasmessa in diretta su Radio Proposta in Blu (fm e streaming)

Mercoledì 20 maggio
ore 8.30-12.30
Riunione in video conferenza del Comitato CEI per la valutazione
dei progetti di intervento a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto

Le Messager Valdotain ricorda domenica 10 maggio saint Antonin

La Chiesa celebra Sant' Alfio Martire

SANTI ALFIO, FILADELFO E CIRINO, FRATELLI MARTIRI

Le notizie che possediamo sulla vita e sul martirio dei tre fratelli, Alfio, Filadelfo e Cirino, il cui culto è molto diffuso in quasi tutta la Sicilia Orientale fin dall'alto medioevo, sono tutte contenute in un documento, che gli studiosi delle vite dei Santi fanno risalire al secondo decennio della seconda metà del secolo X, al 960 circa: si tratta di una lunga e minuziosa narrazione scritta da un monaco, certamente basiliano, di nome proprio Basilio, e con verosimiglianza a Lentini in provincia di Siracusa, come si evince dalla precisa indicazione dei luoghi, delle tradizioni e dei costumi della comunità là esistente. Il manoscritto, che si compone di più parti, alla fine della terza parte si chiude con questo periodo, ovviamente in greco: "Con l'aiuto di Dio venne a fine il libro dei SS. Alfio, Filadelfo e Cirino, scritto per mano del monaco Basilio".

Il prezioso scritto si conserva nella Biblioteca Vaticana, segnato col numero 1591, proveniente dal monastero di Grottaferrata, nei pressi di Roma.

Secondo il manoscritto citato i nostri Santi hanno subito il martirio nella persecuzione di Valeriano e precisamente nel 253.

Il sole sorge alle ore 5,55 e tramonta alle ore 20,47

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore