ATTUALITÀ | mercoledì 13 novembre 2019 00:09

ATTUALITÀ | 21 agosto 2019, 12:01

Vele d'epoca di Imperia: torna nel primo weekend di settembre un appuntamento imperdibile per i velisti, gli sportivi e tutti gli appassionati

Tra gli eventi del raduno il tradizionale spettacolo pirotecnico nella serata di sabato, talk show con ospiti, giornalisti e velisti, momenti di teatro, di musica e di installazioni artistiche. Ecco i dettagli

Vele d'epoca di Imperia: torna nel primo weekend di settembre un appuntamento imperdibile per i velisti, gli sportivi e tutti gli appassionati

Le Vele d’Epoca di Imperia, da oltre 30 anni una tappa imperdibile tra le regate classiche nel Mediterraneo, tornano ad essere annuali: l’appuntamento per velisti, curiosi e appassionati, è dal 5 all’8 Settembre, sulla Calata Anselmi, nel Porto di Imperia.

Già parte di diversi Circuiti internazionali durante il corso degli anni - dal Trofeo Prada al Panerai Classic Yachts Challenge - le Vele d’Epoca di Imperia offrono un suggestivo ed unico campo di regata, incastonato in una cornice di rara bellezza e prestigio. Uno specchio che da quest’anno può fregiarsi anche della Bandiera Blu, recentemente ottenuta dalla città di Imperia.

Protagoniste indiscusse dell’evento sono le Regine del Mare: imbarcazioni antiche, piene di storia e di gloria, sfoggiata, oltre che in gara, durante la tradizionale Parata di Eleganza, in cui gli yacht storici sfilano lungo il litorale cittadino. Tra le barche già iscritte, Manitou, che fu del Presidente Kennedy e che venne addirittura ribattezzata The floating White House; Hallowe’en, un Marconi cutter del 1926 che il progettista William Fife, uno dei più blasonati del settore, ha definito “perfetta, un gioiello”; Skylark che è stata l’imbarcazione portabandiera del Los Angeles e Transpacific Yacht Clubs e che spesso ha regatato e vinto contro Santana, la barca di Humphrey Bogart. E ancora, le barche della Marina Militare Italiana - che onora la manifestazione del proprio patrocinio - come Artica II Corsaro II, adibita all’addestramento degli allievi ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno. Solo per citarne alcune.

Tanti sono gli elementi di suggestione legati a un appuntamento unico nel suo genere. 

Le Regine del Mare sono infatti ormeggiate nel cuore di Borgo Marina, perla turistica e viva della città, su una banchina sovrastata dal fascinoso promontorio del Parasio. Di fronte a loro, anche il Museo Navale che al suo interno ospita reperti storici e simulatori di nuovissima generazione.  

A pochi passi dalla banchina, il borgo, con i suoi tipici ristoranti e le eleganti spiagge, accoglie turisti ed equipaggi.

Regata in mare, coordinata da YC Imperia, e festa sul porto: tra gli eventi del raduno, il tradizionale spettacolo pirotecnico nella serata di sabato, ma anche talk show con ospiti, giornalisti e velisti, momenti di teatro, di musica, e di installazioni artistiche.

E, inoltre, verranno raccontate le imprese leggendarie di Best Explorer, la prima barca italiana della storia a compiere il famoso passaggio a Nord Ovest. Al momento in navigazione, si appresta ad intraprendere l'impresa del Passaggio a Nord Est, realizzando la prima circumnavigazione Artica italiana, ed una delle prime a livello mondiale, oltre il Circolo Polare Artico.

Cultura del mare ma anche arte ad arricchire questa quattro giorni di vela nel capoluogo ponentino.

Continua la collaborazione di Assonautica con il FAI, sezione di Imperia, per scoprire chiese, musei e collezioni cittadine. Il Santuario di Santa Croce del Monte Calvario dal quale si può ammirare il mare e la costa ma anche le colline e le Alpi Marittime che proteggono Imperia e, poi, Villa Grock, edificio dalle mille storie e leggende che per anni fu la casa di Charles Adrien Wettach, in arte Grock, considerato il più grande clown di tutti i tempi e anticipatore della clownerie moderna. La collezione dell’Architetto Invernizzi custodita all’interno del MACI (Museo Arte Contemporanea di Imperia) a Villa Faravelli che tra le proprie stanze ospita Robert Delaunay, Max Bill, Victor Vasarely, Piero Dorazio, Mario Radice e Lucio Fontana, compiendo così un percorso che ben rappresenta il passaggio dall'arte figurativa all'arte concreta.

Le Vele d’Epoca di Imperia si confermano, ancora una volta, un appuntamento che coinvolge ed integra i valori della vela e del mare con quelli della tradizione e della cultura fondendoli in un evento che non coinvolge solo i marinai ma la città intera, da sempre quinta di questa manifestazione.

red/ip

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore