CRONACA | lunedì 19 agosto 2019 21:10

CRONACA | 14 maggio 2019, 16:52

Procura chiede archiviazione fascicolo penale rogo chalet Gignod

Procura chiede archiviazione fascicolo penale rogo chalet Gignod

Non fu doloso l'incendio che il 17 marzo scorso distrusse lo chalet che fungeva da punto informazioni e rivendita prodotti locali di proprietà dell'Unité des Communes Grand-Combin in località Arliod di Gignod. Lo hanno stabilito la relazione dei Vigili del fuoco e le indagini dei carabinieri, accertamenti per i quali il pm Carlo Introvigne ha chiesto al gip l'archiviazione del fascicolo penale aperto contro ignoti.

Quando andò a fuoco la struttura era chiusa da qualche tempo e l'intenzione dell'Unité era di riaprirla in vista della prossima stagione estiva, attraverso un nuovo bando di gestione.

Resta il mistero sul fatto che le fiamme erano partite dall'esterno, dalla facciata che dà verso una scarpata ma né i quadri elettrici - l'impianto era disattivato - né i bidoni della spazzatura della vicina area picnic erano stati coinvolti dalla fiamme. Non erano state trovate tracce di acceleranti (sostanze che avrebbero potuto scatenare il rogo) e la struttura non era videosorvegliata.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore