Le Messager Campagnard | venerdì 18 gennaio 2019 03:05

Le Messager Campagnard | giovedì 03 gennaio 2019, 08:00

Allarme Coldiretti ‘Immobilismo contro predazione lupo’

Alessio Nicoletta (sn.) e Richard Lanièce rispettivamente Presidente e Direttore di Coldiretti Valle d’Aosta

Alessio Nicoletta (sn.) e Richard Lanièce rispettivamente Presidente e Direttore di Coldiretti Valle d’Aosta

Coldiretti Valle d'Aosta, dopo l’ennesimo avvenimento di predazione a danno di un’azienda agricola, lancia un appello alla nuova Amministrazione regionale affinché possa garantire, al più presto, risposte concrete su di un’emergenza troppe volte considerata come un non problema.

“Viviamo in una situazione di immobilismo insostenibile poiché il Piano Lupo si è arenato in Conferenza Stato-Regioni già nel dicembre del 2017, dopo anni di discussioni, per cui non esiste un quadro normativo che consenta di mettere in campo misure concrete” evidenziano Alessio Nicoletta e Richard Lanièce rispettivamente Presidente e Direttore di Coldiretti Valle d’Aosta.

“Una condizione che porta a tralasciare, di fatto, le conseguenze patite dagli allevatori e da chi vive quotidianamente la montagna a seguito degli attacchi dei lupi e degli ibridi di lupo. La diffusione sempre più massiccia di questo predatore rischia di minare l’economia rurale della nostra regione” - concludono Nicoletta e Lanièce - “per questo il Piano Lupo, che auspichiamo venga al più presto preso in seria considerazione dalle Istituzioni preposte, dovrà tener conto delle esigenze degli allevatori e del loro prezioso ruolo ambientale, sociale ed economico. In questa direzione, richiediamo al mondo politico regionale la massima attenzione e l’apertura di un confronto serio sul futuro dell’allevamento valdostano”.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore