/ FEDE E RELIGIONI

FEDE E RELIGIONI | 23 novembre 2021, 09:00

PAPA: La bellezza del Natale traspare in piccoli gesti di amore concreto

Incontrando i partecipani al Christmas Contest, Papa Francesco ricorda che il Natale non è “una stonatura” rispetto alla pandemia che stiamo vivendo

Papa Francesco durante una udienza

Papa Francesco durante una udienza

È un Natale le cui luci sono ancora “soffuse” a causa della pandemia in corso. Eppure, la Festa della Nascita di Cristo va festeggiata, ricordata, perché “non è una stonatura rispetto alla prova che stiamo vivendo”, dato che “è per eccellenza la festa della compassione, della tenerezza”. Lo dice Papa Francesco ai partecipanti al Christmas Contest, ricevuti in udienza.

Il Christmas Contest è una iniziativa delle Missioni Don Bosco Valdocco insiemme alla Fondazione Pontificia Gravissimum Educationis. L’iniziativa, a sostegno del progetto benefico “Il Congo è il cuore dell’Africa – aiutaci a farlo battere”, prevede un concorso canoro rivolto a giovani di un’età compresa tra 16 e 35 anni, chiamati a proporre un brano inedito sul tema del Natale, e a concorrere per esibirsi, insieme ai grandi artisti della musica italiana e internazionale, al concerto di Natale 2021 in Vaticano.

Due saranno i progetti sostenuti con il concorso: la “Casa della pace a Kikwit”, sostenuta dalla Fondazione Pontificia Gravissimum Educationis, un centro formativo e di promozione umana dove tutti i settori (formativo, sociale, sanitario, economico e agricolo) sono accomunati da un approccio educativo integrale; e il centro professionale di Masina, sostenuto da “Missioni Don Bosco”.

Papa Francesco sottolinea che, proprio durante la pandemia, siamo “chiamati a interrogarci a non perdere la speranza”, ricordando che la bellezza del Natale è “umile e piena di calore umano” e “traspare nella condivisione di piccoli gesti di amore concreto”.

Non è – dice Papa Francesco – una festa “alienante, superficiale, evasiva”, ma piuttosto “allarga il cuore, lo apre alla gratuità, al dono di sé, e può generare anche dinamiche culturali, sociali ed educative”.

È lo spirito con cui il Papa ha lanciato il Patto Educativo Globale. Papa Francesco ricorda che “ci vuole coraggio e anche creatività”, e spiega: “Ad esempio, voi avete composto nuove canzoni natalizie e le avete condivise per un progetto più grande, un progetto che crede nella bellezza come via di crescita umana, per sognare insieme un

mondo migliore”.

Ripercorrendo le parole di Paolo VI, Papa Francesco afferma che “c’è bisogno della bellezza per non cadere nella disperazione”, e questa bellezza non è “quella falsa, fatta di apparenza e di ricchezza terrena, che è vuota e generatrice di vuoto”.

È piuttosto “quella di un Dio che si è fatto carne, quella dei volti, delle storie; quella delle creature che formano la nostra casa comune e che – come ci insegna San Francesco – partecipano alla lode dell’Altissimo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore