/ AGRICOLTURA

AGRICOLTURA | 05 marzo 2021, 12:58

E' nato il primo Blanc de Morgex biologico

Un vigneto 'estremo' di Maurice Cretaz

Un vigneto 'estremo' di Maurice Cretaz

Prima etichetta biologica per il Vallée d'Aoste Blanc de Morgex et de La Salle Doc, vino ricavato dalle uve dei vigneti più alti d'Europa ai piedi del Monte Bianco.

E' dell'azienda Maison Maurice Cretaz che la scorsa estate ha ottenuto la certificazione per l'annata 2019 con circa 300 bottiglie. Il vino è prodotto da uve Prié Blanc, vitigno autoctono a bacca bianca, coltivato a pergola bassa tra i 900 e i 1.200 metri di quota. Mai attaccate dalla filossera questi viti coltivate nell'alta Valle d'Aosta sono ancora oggi su piede franco, cioè non innestate su vite americana.

Il Blanc de Morgex completa l'offerta di vini biologici dell'azienda del viticoltore valdostano Andrea Maurice e si aggiunge alle etichette già certificate di Petit Arvine, Torrette supérieur, Mayolet (prodotti a Chesallet di Sarre) e del Nebbiolo Vallée d'Aoste (Pont-Saint-Martin). La produzione annuale complessiva è di circa 5.000 bottiglie per poco più di 1,5 ettari vitati.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore