/ FEDE E RELIGIONI

FEDE E RELIGIONI | 21 novembre 2019, 09:00

PAPA: Pregare e camminare per avere il cuore aperto a Dio

PAPA: Pregare e camminare per avere il cuore aperto a Dio

È importante che la gente sia informata e conosca «le culture che sono lontane dall’Occidente». A bordo dell’aereo che da Roma lo ha condotto a Bangkok — dove è giunto mercoledì mattina, 20 novembre — Papa Francesco ha rivolto queste parole ai giornalisti e agli operatori della comunicazione che lo accompagnavano, sottolineando l’interesse e l’attenzione con cui guarda alla realtà dell’Oriente e, in particolare, a quella della Thailandia e del Giappone, mete del suo trentaduesimo viaggio internazionale.

Una visita che entrerà nel vivo nella mattina di giovedì 21 con i primi appuntamenti pubblici, ma che già nella giornata dell’arrivo ha vissuto alcuni significativi momenti: a cominciare dalla breve cerimonia di accoglienza all’aeroporto, dove tra l’altro Francesco ha abbracciato sua cugina suor Ana Rosa Sivori, missionaria da oltre cinquant’anni in Thailandia, che gli farà da interprete durante il soggiorno nel Paese.

Il Papa si è poi trasferito alla nunziatura apostolica. E qui ha registrato un breve videomessaggio per i giovani thailandesi, in particolare a quanti si preparano a incontrarlo durante una veglia di preghiera e in un pellegrinaggio. Circostanze, queste, che hanno offerto al Pontefice lo spunto per una riflessione sull’importanza di pregare e di camminare. Si tratta di due azioni, ha spiegato, che permettono di avere il cuore aperto a Dio e di ricevere da Lui la forza per non restare fermi e per procedere in avanti. Perché un giovane, ha ammonito Francesco, non può andare in pensione a vent’anni.

Deve camminare, spingersi sempre oltre, anche a rischio di cadere: del resto, come recita una canzone alpina, nell’arte di salire è importante non rimanere per terra ma rialzarsi e proseguire. Da qui l’invito del Pontefice alle nuove generazioni thailandesi: non bisogna trascorrere l’esistenza seduti sul divano, perché la vita va costruita giorno per giorno, andando sempre avanti nel cammino. È questa, ha assicurato, la strada per essere felici.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore