FEDE E RELIGIONI | mercoledì 16 ottobre 2019 22:33

FEDE E RELIGIONI | 16 settembre 2019, 09:00

PAPA: Quando diventano populismi i particolarismi sono un pericolo

PAPA: Quando diventano populismi i particolarismi sono un pericolo

«I particolarismi che diventano populismi e vogliono comandare e uniformare tutto» sono «un pericolo di questo tempo della nostra civiltà». Da questo ha messo in guardia Papa Francesco incontrando in Vaticano sabato mattina, 14 settembre, i vescovi cattolici orientali presenti in Europa.Dopo aver ricordato che «l’unità cristiana non è uniformità» — perché l’uniformità è la distruzione dell’unità; e la verità cristiana non è monocorde, ma “sinfonica”» — il Pontefice ha evidenziato come «oggi troppe disuguaglianze e divisioni minacciano la pace».

Perciò, ha esortato, occorre «essere artigiani di dialogo, promotori di riconciliazione, pazienti costruttori di una civiltà dell’incontro, che preservi i nostri tempi dall’inciviltà dello scontro». Anche perché, ha fatto notare Francesco, «tanti si fanno risucchiare dalla spirale della violenza, dal circolo vizioso delle rivendicazioni e delle continue accuse reciproche». E invece, al contrario «il Signore ci vuole seminatori miti del Vangelo dell’amore».

Come? Sanando le ferite del passato, superando pregiudizi e divisioni, e dando speranza a tutti «camminando fianco a fianco con i fratelli e le sorelle non cattolici». Anzi in proposito Francesco ha confidato: «Sento che la via che ci viene indicata dall’Alto è fatta di preghiera, umiltà e carità, non di rivendicazioni locali, neppure tradizionaliste, no. Il cammino è preghiera, umiltà e carità».

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore