/ SOS Quattro Zampe

SOS Quattro Zampe | 04 settembre 2023, 14:01

Stop uccisione dei pulcini maschi, dopo il voto del parlamento manca il decreto del governo

30 milioni di pulcini l’anno rischiano di continuare a essere triturati vivi o soffocati nell’industria delle uova anche dopo il 2026

Stop uccisione dei pulcini maschi, dopo il voto del parlamento manca il decreto del governo

Dopo il voto del Parlamento ad agosto 2022, il Governo è chiamato a emanare entro settembre il decreto attuativo per applicare la legge che vieta l'uccisione selettiva di milioni di pulcini maschi nell’industria delle uova. Se ciò non dovesse avvenire, in Italia ogni anno continuerebbero a essere abbattuti oltre 30 milioni di pulcini appena nati, anche dopo il 2026, perché considerati scarti di produzione dall’industria alimentare.  

Animal Equality, insieme ad altre associazioni che si battono per la protezione dei diritti degli animali in Italia e in Europa, quali CIWF Italia, Animal Law e LAV, ha rivolto un appello alle istituzioni per chiedere al Ministro dell’Agricoltura e a quello della Salute di rispondere alle istanze di migliaia di cittadini e alla volontà del Parlamento, salvando così oltre 30 milioni di pulcini dalla triturazione e dal soffocamento all’interno dell’industria delle uova.

Uccisi per triturazione o soffocamento entro 24 ore dalla loro nascita, i pulcini maschi sono esseri senzienti che muoiono in modo doloroso e crudele. Il loro abbattimento selettivo è una pratica spietata che il Parlamento italiano ha deciso di vietare progressivamente entro la fine del 2026. 

A partire dal 2020, Animal Equality ha avviato una campagna di sensibilizzazione la cui petizione ha raccolto le firme di oltre 110 mila cittadini italiani schierati contro la terribile uccisione dei pulcini maschi. A seguito della campagna, l’organizzazione ha promosso un emendamento alla “Legge di delegazione europea 2021”, presentato dall’Onorevole Francesca Galizia nel dicembre del 2021 e approvato da Camera e Senato.

A fine luglio 2023, alla Camera dei Deputati è stata inoltre presentata un’interpellanza per chiedere al Ministro dell’Agricoltura Lollobrigida e a quello della Salute Schillaci di intervenire per fermare l’abbattimento selettivo dei pulcini maschi nell’industria delle uova, come previsto dalla “Legge di delegazione europea 2021” approvata lo scorso anno. Nel testo dell’interpellanza, gli Onorevoli del Movimento 5 Stelle Sergio Costa (primo firmatario), Alessandro Caramiello, Carmen Di Lauro e Marianna Ricciardi, hanno sottolineato che l’uccisione dei pulcini maschi è «una delle pratiche più brutali e inaccettabili, un orrore legittimato unicamente dal tornaconto economico, a discapito del sentimento di empatia – ormai diffuso nella nostra società – verso gli animali».

«L’Italia ha un’occasione unica per compiere una scelta rivoluzionaria per gli animali allevati a scopo alimentare. Smettere di uccidere i pulcini maschi è un dovere morale, oltre che una scelta di civiltà: il Governo italiano può dimostrare di avere a cuore l’opinione dei suoi cittadini e fare da apripista in Europa e nel mondo in tema di benessere animale. Chiediamo alle istituzioni di accogliere le richieste portate avanti dalle più grandi organizzazioni per la protezione degli animali al fine di garantire la giusta tutela ai pulcini maschi che, purtroppo, vengono uccisi nell’industria delle uova. È il momento di fare la cosa giusta, invitiamo il nostro Governo a schierarsi dalla parte degli animali» affermano Animal Equality, CIWF Italia, Animal Law e LAV.

red/pi-ae

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore