/ L'arrière pensée

In Breve

domenica 13 giugno
lunedì 31 maggio
Risiko funiviario
(h. 08:00)
lunedì 24 maggio
lunedì 17 maggio
COMPAGNI, CHE FARE?
(h. 09:00)
mercoledì 12 maggio
lunedì 26 aprile
lunedì 19 aprile
martedì 06 aprile
lunedì 29 marzo

L'arrière pensée | 22 febbraio 2021, 08:30

Personaggi in cerca di autore

Non c’è fatto o atto politico che non nasconda una arrière-pensée, anche e soprattutto chez-nous. Noi vediamo tante cose, noi sappiamo tante cose e qui cerchiamo di darvene una lettura critica e trasparente

Personaggi in cerca di autore

Mentre la zona bianca sfuma e si colora di giallo i bar fino alle 18 restano aperti. Si sa che la politica si fa più nei bar che nelle sedi di partito, ed è infatti qui che negli ultimi tempi si vedono un susseguirsi di nuovi incontri. Pare, infatti, che qualcosa si sta muovendo nell’immobilismo più o meno voluto del Governo Lavevaz, almeno per quanto riguarda le forze politiche che lo sostengono e non.

Sembra che ci sia una grande attività condotta da alcuni noti esponenti dell’alleanza perduta che cercano tra i “non entrati” in Consiglio regionale forze nuove nell’attesa di sapere se c’è la possibilità di poter tornare (sperino pure) nella grande casa autonomista.

Una ricerca sistematica e quasi pietosa per certi versi nel nome di una “nuova sinistra ecologista” che in Valle non è mai fino in fondo decollata e il cui vero esponente si muove sornione in bicicletta e rotaia.

Dall’altro anche la destra è in movimento alla ricerca di un nuovo leader o una nuova collocazione dopo la mancata entrata in Consiglio regionale, un po’ verso ambienti leghisti, un po’ verso quel centro dove le stelle alpine non crescono più, senza per ora però trovare un approdo sicuro.

In ultimo il Leone rampante che prima di arrivare al Congrès, rimandato per l’ennesima volta, sta cercando nuove energie per rinvigorire un Comité central in grande affanno dopo l’addio di Lavevaz e il quasi-addio-anzi-ritorno di Follien.

Insomma, fatto il Governo Draghi ora toccherà capire cosa ne sarà della politica valdostana che si trova davanti ad un rimescolamento delle carte che non va sottovalutato e una Re-Union da sinistra e destra che non sembra proprio poter decollare.

Père Joseph

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore