/ SOS Quattro Zampe

SOS Quattro Zampe | 03 luglio 2020, 11:42

I Club Lions Aosta Host e Aosta Mont Blanc donano un angelo a quattro zampe

I due Club concludono l'anno lionistico 2019/2020 con l'acquisto di un cane guida per non vedenti

I Club Lions Aosta Host e Aosta Mont Blanc donano un angelo a quattro zampe

Si è chiuso con un risultato davvero prestigioso, l'acquisto di un cane guida per non vedenti, e secondo il motto lionistico “we serve”, l'anno societario 2019-2020 dei club Aosta Host e Aosta Mont Blanc.

Le rispettive presidenti, Gaya Pastore e Giorgia Baratta, sono riuscite, malgrado il periodo difficile e l'emergenza epidemiologica COVID-19, a concludere questo impegnativo e importante service.

“Ci riempie davvero il cuore di gioia essere riusciti a raggiungere questo bellissimo risultato con la collaborazione dei nostri soci e di tante persone e operatori che hanno voluto contribuire per aiutare una persona non vedente ad acquisire autonomia e indipendenza nella vita quotidiana” , dichiarano le due Presidenti (nella foto sopra).

“Per la Valle d'Aosta è anche l'occasione di conoscere più approfonditamente il Servizio Cani Guida dei Lions Onlus ente morale di Limbiate, riconosciuta dal Presidente della Repubblica, che opera a favore dei non vedenti dal 1959, e la sua attività”.

Il Servizio Cani Guida dei Lions si occupa di addestrare e consegnare gratuitamente cani guida alle persone cieche in tutta Italia. Qualsiasi persona non vedente o ipovedente può rivolgersi a questa organizzazione dei Lions per richiedere un “angelo a quattro zampe”, che diventerà un amico e un compagno prezioso che la aiuterà ad affrontare più facilmente le difficoltà che i non vedenti affrontano quotidianamente, aumentando il livello di autosufficienza ed indipendenza.

Purtroppo ad oggi c’è una lista di attesa di più di un centinaio di persone: l'addestramento di un cane guida per non vedenti richiede un periodo lungo e un grande investimento economico. Il cane deve essere selezionato e la formazione dura 6 mesi, perciò solo dopo i 18 mesi d'età i cani possono essere assegnati ad un non vedente.

Infine c'è la costituzione del binomio uomo/cane guida per cui è necessario del tempo per conoscersi e per imparare a convivere assieme.

Grazie alle donazioni dei Lions Club e di tante persone sensibili a questo argomento, dalla nascita di questo servizio, sono stati donati più di 2.000 cani. Per tutti questi motivi, i due Lions Club valdostani esprimono la loro grande soddisfazione per aver raggiunto questo nobile traguardo.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore