ATTUALITÀ | martedì 19 settembre 2017 20:41

ATTUALITÀ | martedì 07 aprile 2015, 16:52

CASINO: Sindacati Roulette Black Jack accusano 'gestione arrogante'

L'azienda replica 'le reali motivazioni della dichiarazione di stato di agitazione e del conseguente sciopero, come in più occasioni esposto alle varie direzioni aziendali, non sono quelle illustrate, ma la rivendicazione di un premio legato ad accordi sindacali scaduti il 31 dicembre 2014'

L'amministratore unico del Casinò de la Vallée, Luca Frigerio, avrebbe assunto "un atteggiamento arrogante con le delegazioni dei sindacati che hanno preso atto della sua non professionalità scavalcando le buone prassi sindacali".

E' quanto si legge in un comunicato sindacale, non meglio precisato, all'indomani dello sciopero dei tecnici del settore Roulette Black Jack alla Casa da gioco valdostana. Il comunicato denuncia "la poca chiarezza sul futuro del reparto, la totale mancanza di strategia, l'assenza di un vero piano di riorganizzazione aziendale". 

I sindacati evidenziano "il decremento degli introiti, causato da una scelta discutibile di trasferire i tavoli da gioco e destinare l'ex Sala Gold River in Poker Room".

COMUNICATO DELL'AZIENDA

Con riferimento al comunicato stampa, diffuso in data odierna, dalla Delegazione sindacale Roulette Americana e Black Jack, l’azienda ritiene opportuno precisare che le reali motivazioni della dichiarazione di stato di agitazione e del conseguente sciopero, come in più occasioni esposto alle varie direzioni aziendali, non sono quelle illustrate, ma la rivendicazione di un premio legato ad accordi sindacali scaduti il 31 dicembre 2014.

Il costo complessivo del premio è di circa 100 mila euro e la discussione sullo stesso è legata all’andamento della trattativa in corso per il contenimento generale del costo del lavoro.

In data 9 aprile p.v. era già convocato un incontro per la discussione di questo argomento. È stato chiesto di anticipare l’incontro, seppur informalmente, e nel corso dello stesso è stata avanzata la richiesta di sottoscrivere immediatamente una dichiarazione che prevedeva il rinnovo del premio.

L’incontro è stato concesso durante la serata di sabato scorso, con grande apertura da parte dell’azienda, per evitare inutili disagi alla clientela, in un periodo di grande affluenza. Ma la richiesta non poteva certamente essere accolta. Inoltre, alla luce delle retribuzioni pari a circa 4.250,00 euro al mese, mance escluse, per un costo annuo pari a 84.500,00 euro pro capite, che garantiscono un certo benessere ad ogni singolo lavoratore, il tema non poteva di certo costituire un’urgenza.

Purtroppo, il gioco della roulette americana è un gioco in grave difficoltà a livello europeo e il Casinò di Saint-Vincent è l’unico ancora a proporlo. Viene ancora proposto perché apprezzato da una nicchia di clientela che si assottiglia sempre di più. Proprio per questi motivi sono già stati avanzati dall’azienda interventi per cercare di rivitalizzare il gioco e garantirne la marginalità.

L’arroganza della società è quindi consistita nel resistere ad un ricatto immotivato, senza alcun senso di rispetto nei confronti della clientela e dell’azienda, posto da una minoranza dei lavoratori.

CASINO DE LA VALLEE SPA

 

 

aostacronaca.it

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore