Consiglio Valle - 25 aprile 2024, 08:00

Festa della Liberazione: il messaggio del Presidente del Consiglio

Alberto Bertin 'La Liberazione ha segnato la fine del regime mussoliniano, la pagina più oscura della storia italiana, contagioso con la sua nefasta dottrina che ha portato alla guerra e ha infettato gran parte dell'Europa del tempo'

Festa della Liberazione: il messaggio del Presidente del Consiglio

Nella giornata dedicata alla Festa della Liberazione, istituita nel 1946 e resa definitiva con la legge n. 260 del maggio 1949, il Presidente del Consiglio Valle, Alberto Bertin, ha sottolineato con fervore il significato simbolico di questa data. È un momento in cui si commemora la liberazione dal nazifascismo, un regime che ha rappresentato vettore di intolleranza, violenza, razzismo e la volontà di cancellare tutte le identità e culture "altre", tra cui anche quella valdostana.

"La Liberazione ha segnato la fine del regime mussoliniano, la pagina più oscura della storia italiana, contagioso con la sua nefasta dottrina che ha portato alla guerra e ha infettato gran parte dell'Europa del tempo", ha ricordato con fermezza il Presidente Bertin. La Liberazione non è stata solo la fine di un'oppressione, ma anche un faro di speranza per la pace nel continente europeo. Ha aperto la strada a una prospettiva di collaborazione e progresso tra i popoli.

"Alla base della nostra autonomia, delle democrazie europee e dell'Europa unita c'è l'antifascismo. Per questo motivo, non possiamo non definirci antifascisti", ha dichiarato con convinzione il Presidente. Esprime anche la sua profonda gratitudine e riconoscimento verso coloro che, con coraggio e spesso a costo della vita, hanno lottato per liberare il paese dalla dittatura e dal nazifascismo.

In un periodo in cui i valori democratici sono messi alla prova, il Presidente Bertin sottolinea l'importanza di non dimenticare il passato e di continuare a difendere con vigore l'antifascismo, fondamento della nostra autonomia e della costruzione di un'Europa basata sulla pace e sulla collaborazione tra popoli.

pim

SU