Governo Valdostano - 26 settembre 2022, 20:19

Nuovo convitto regionale annesso al polo scolastico di Verrès

Al fine di rendere coerenti le previsioni progettuali con il vigente strumento urbanistico comunale, la deliberazione adottata dalla Giunta regionale prevede anche l’avvio della procedura per il raggiungimento dell’intesa con il Comune Verrès

Nuovo convitto regionale  annesso al polo scolastico di Verrès

La Giunta regionale, nella seduta di oggi, lunedì 26 settembre, ha approvato il Progetto di fattibilità tecnica ed economica relativo alla Realizzazione di un convitto annesso al polo scolastico unico d’istruzione secondaria di secondo grado in Comune di Verrès.

L’Assessore Carlo Marzi ha detto: “Il nuovo convitto di Verrès, realizzato all’interno dell’Ex-cotonificio Brambilla, è una grande opportunità per i ragazzi della bassa e media Valle e delle vallate laterali, che attualmente sono obbligati a iscriversi ad Aosta o Ivrea. La struttura è concepita quale luogo di aggregazione, un punto di riferimento per attività culturali inclusive di tipo creativo, ludico, di informazione e formazione, anche per contribuire alla prevenzione del disagio giovanile. Il progetto è stato sviluppato con una particolare attenzione alle prestazioni energetiche dell’edificio, al contenimento dei consumi e all’utilizzo di materiali naturali e riciclati”.

L’intervento si inserisce nell’ambito della “Strategia Aree Interne - Area bassa Valle”, che di concerto con il territorio e le autorità competenti ha visto individuare quale punto d’avvio per il miglioramento dei servizi scolastici il consolidamento del Polo Unitario dell’istruzione secondaria di II grado di Verrès.

“A completamento del complesso scolastico dell’ex Cotonificio di Verrès, fabbrica che ricordo bene perché da bambino vivevo a due passi - commenta l’Assessore Luciano Caveri - arriverà questo convitto per evitare il pendolarismo per un certo numero di studenti che arrivano dalle vallate. Si tratta di proseguire la progettazione per consentire di risolvere alcune questioni urbanistiche. Con altri fondi delle politiche giovanili ci occuperemo anche di una struttura nei pressi che serva alla socializzazione dei giovani che abitano nel paese e dei tanti che lo frequentano andando a scuola. Il parco urbano voluto dal Comune ha già reso piacevole la zona, che conta importanti infrastrutture sportive. Bisogna ora completare l’auditorium adiacente alle scuole per avere un insieme ragionato di utilizzo di tutta l’area”.

L’intervento prevede la conservazione degli elementi di pregio del fabbricato storico e il completo ripensamento della distribuzione interna, al fine di individuare opportuni spazi destinati ai semiconvittori e ai convittori quali l’area ricreativa, la zona benessere, la sala da pranzo, le aree destinate a zona notte, nonché tutti gli spazi accessori.

redix

Ti potrebbero interessare anche:

SU