Dai comuni - 27 dicembre 2019, 12:32

Jovençan: Il Sindaco racconta il suo sogno ai concittadini

Nell'ultimo numero del periodico comunale Vally Lucianaz è ricorsa alla metafora del sogno per spiegare ai suoi concittadini come si può far diventare ancor più bello il proprio Pays

Jovençan: Il Sindaco racconta il suo sogno ai concittadini

Care concittadine e cari concittadini, In questa vigilia di Natale, ho voglia di raccontarvi un sogno. Il sole splende, i colori e i profumi della natura mi rendono euforica e mi emozionano.

Com’è bello il mio paese! Come mi sento in pace, leggera e contenta! Il mio vicino di casa sta pulendo dalle erbe il confine del suo prato. E quell’altro spazza la strada davanti a casa sua, che si affaccia sulla strada comunale. Un contadino sta irrigando il suo terreno e controlla che l’acqua non vada ad allagare la strada in fondo alla sua proprietà. E un altro sta trasportando del letame con il suo trattore ma ha fatto in modo che il carico non trasbordasse dal cassone sulla strada, dove giocano i bambini e passeggiano gli anziani.

Una signora sta facendo una passeggiata con il suo cane, lo tiene al guinzaglio e si premura di raccoglierne gli escrementi con il sacchetto apposito, senza lasciarlo correre a fare i bisogni nei prati dove sta crescendo l’erba per il pascolo. Dei bimbi stanno giocando nel parco e dopo aver consumato la merenda ripongono gli scarti nel cestino.

Altri stanno giocando al campetto, hanno caldo e sono assetati, ma usano le loro belle borracce colorate per bere l’acqua della Casa dell’acqua o quella del fontanile lì vicino, di modo che non rischiano di buttare in ogni dove le vecchie bottigliette di plastica vuote. Ho saputo che alcune persone si sono riunite in gruppo per togliere le erbacce dai sentieri che si inerpicano lungo il versante della montagna e per risistemare alcuni tratti di muro che stanno crollando.

Mi hanno anche detto che dopo le grandi nevicate, tutti si alzano presto la mattina e lavorano insieme per liberare le zone comuni dal pur bellissimo manto bianco. Sembrerebbe anche che tutti stiano bene attenti a diminuire la produzione di immondizia e a riporre i loro rifiuti nei luoghi preposti, suddivisi per tipologia, alfine di favorirne il più possibile il recupero.

Nel mio paese, nessuno si permette di intralciare il lavoro di un’altra persona solo per il piacere di contraddirla, ma tutti cercano di capire le idee e i bisogni degli altri e discutono non per litigare ma per arrivare ad un compromesso o ad una soluzione condivisa. Il buon senso e l’onestà di tutti, il rispetto delle persone e delle cose e la partecipazione di tutti alla vita comune fanno sì che ognuno sappia bene dove finisce la propria libertà e dove inizia quella dell’altro e che nessuno debba mai credersi superiore, dominatore, migliore o più importante, né sentirsi escluso, inadeguato, maltrattato o ingiustamente sanzionato.

Bello, vero, il mio sogno?

Possa la magia del Natale aiutarci a capire che tutti possiamo realizzare i nostri sogni, con un piccolo sforzo, un po’ di passione e di entusiasmo e tanta buona volontà. Vi auguro un 2020 pieno d’amore, di pace e di salute, nonché sereno e ricco di soddisfazioni.

Vally Lucianaz

Ti potrebbero interessare anche:

SU