/ Governo Valdostano

Governo Valdostano | 02 aprile 2021, 07:00

Giù le mani dalla legge regionale sulla Ludopatia

Giù le mani dalla legge regionale sulla Ludopatia

La ludopatia è una malattia serissima, che distrugge chi ne è colpito e tutte quelle persone che stanno intorno al malato. Un male che non conosce ostacoli, categorie sociali o fasce di età. Negli ultimi anni si è fatto molto per il contrasto ad un sistema sostenuto e agevolato da chi ne traeva lauti guadagni.

Con soddisfazione i valdostani hanno appreso che l’amministrazione regionale ha legiferato in materia approvando Legge regionale del 15 giugno 2015, n.14, una legge che imponeva severe restrizioni in materia. Una legge che ha fatto molto rumore proprio perché gli interessi economici che giravano intorno a questo mondo, non certo molto limpido, erano tanti e chi aveva investito nel sistema si è trovato spiazzato. Apparentemente le acque col tempo si sono calmate, ma solo apparentemente perché la categoria non ha mai mollato la presa tanto da convincere il Consiglio regionale di ritornare a discuterne.

questo punto tuona l’ordine degli psicologi che non ci sta ad aperture legislative della legge citata, le indicazioni sono le minime richieste, per nessun motivo possono essere riviste per un ammorbidimento e lo fanno con il sostegno di una gran parte della popolazione. Il punto di vista della questione è meramente commerciale e economico e non è accettabile, la salute mentale, il disagio sociale che questo morbo causa, non possono essere messi in secondo piano. Se la legge va rivista è sicuramente per ulteriori restrizioni.

E’ comprensibile che intorno a tutto questo ci sia anche un mondo del lavoro, piccole attività che vivevano con i guadagni del gioco, di questo bisogna accollarsene la soluzione ma, il rimedio non può essere peggiore del male e  questa problematica non può essere affrontata solo politicamente, necessita di tanto buon senso. Il gioco d’azzardo è legalmente proibito inutile camuffarlo con espedienti vari, paragonabile ad un terribile virus, se ti avvicini troppo rimani contagiato e non basta una semplice mascherina per tener lontano il contagio.

Purtroppo non è facile convincere un malato che la causa del suo male gli appartiene. I ludopatici vanno curati, seriamente, non è una legge o dei paletti che possono alleviare un male sociale tanto grave.  

Moreno Rossin

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore