/ ECONOMIA

ECONOMIA | 02 febbraio 2024, 11:40

Novità e miglioramenti nel contratto collettivo previsto ipotesi accordo per le cooperative sociali

26-01-2024 è stata formalizzata l'ipotesi di accordo per il rinnovo del Contratto Collettivo nazionale delle Cooperative sociali, concernente i lavoratori operanti nei settori socio-sanitario, assistenziale ed educativo, dopo un anno di trattative

Raffaele Statti

Raffaele Statti

L'approvazione definitiva sarà sottoposta alla consultazione delle lavoratrici e dei lavoratori, i quali avranno l'opportunità di esprimere il loro parere sul contratto.

Le organizzazioni sindacali valdostane hanno programmato assemblee per i circa 700 addetti del settore, fissate a Verres e Aosta nei giorni 22 e 23 Febbraio 2024. La consultazione permetterà di raccogliere i feedback diretti dalla base lavorativa interessata.

Gli elementi salienti dell'accordo includono un incremento graduale del tabellare di 120 euro distribuiti in tre tranche: 60 euro a Febbraio 2024, 30 euro a Ottobre 2024 e ulteriori 30 euro a Ottobre 2025. È prevista anche l'introduzione della 14esima mensilità, calcolata al 50% della retribuzione tabellare, a partire da Gennaio 2025.

"Altri punti significativi - come speiga Raffaele Statti della UilTucs - riguardano l'aumento della quota per l'assistenza sanitaria integrativa, passando da 5 a 10 euro al mese, e l'integrazione del trattamento di maternità obbligatoria al 100%. Sono stati riconosciuti tempi di vestizione e svestizione pari a 15 minuti nell'orario di lavoro.

L'accordo prevede il superamento dell'obbligo di residenza in struttura, sostituito dall'introduzione della reperibilità con vincolo di permanenza in struttura, accompagnato da un corrispettivo economico. Inoltre, si avvia il percorso di riqualificazione degli educatori al D2.

Per migliorare la definizione dei ruoli professionali, è stata istituita una commissione paritetica preposta alla revisione dei profili professionali e alla riclassificazione del personale. Infine, è stato stabilito un incremento del 25% legato alla clausola di stabilizzazione per il personale a tempo determinato.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore