/ Chez Nous

In Breve

mercoledì 30 novembre
Autonomicidio
(h. 05:00)
domenica 20 novembre
venerdì 11 novembre
giovedì 10 novembre
Voti e veti
(h. 05:00)
martedì 08 novembre
Eh vabbè succede
(h. 05:00)
sabato 22 ottobre
giovedì 20 ottobre
mercoledì 19 ottobre
Senza pudore
(h. 08:00)
lunedì 17 ottobre
mercoledì 12 ottobre

Chez Nous | 07 novembre 2022, 05:00

L’odioso silenzio

Ma l’Uv che pensa? Gli autonomisti che dicono? Stella alpina che posizione ha? Tutti tacciono; quel che conta è la poltrona

L’odioso silenzio

“La vita va salvata in mare. E il Mediterraneo è un cimitero”. Lo ha sottolineato il Papa, sul tema dei migranti, sul volo di ritorno dal Bahrein. “La politica per ora dei Paesi – è stata di salvare le vittime e questo governo – l’apertura di credito – ha la stessa politica. Non lo conosco ma ha fatto sbarcare bambini e donne, ho sentito nelle ultime ora o almeno l’intenzione c’era. Ma l’Italia e questo governo, o anche un governo di sinistra, non possono fare nulla senza l’accordo a livello europeo e la responsabilità europea”.

Papa Francesco è stato chiaro e determinato nell’affrontare la questione dei migranti e ha ribadito “il principio è che vanno accolti accompagnati e promossi e integrati. Se non si possono fare questi passi non è buono. Ogni governo della Ue deve mettersi d’accordo su quanti migranti può ricevere. Al momento sono quattro i Paesi che li accolgono: Cipro, Grecia. Italia e Spagna. Poi Polonia dentro. La vita va salvata in mare. E il mediterraneo è un cimitero. Ho letto un libro in spagnolo che si chiama hermanito: è la storia di un ragazzo dell’Africa che seguendo le tracce del fratello è arrivato in Spagna. Cinque schiavitù subito prima di arrivare in Spagna. Lo portano di notte con le barche e se non vogliono salire ,’pum pum‘, dittature che fanno con la gente. E poi rischiano di morire in mare”.

Sappiamo bene la posizione del governo di destracentro  sulla questione dei migranti. Porti chiusi, navi in rada. Sbarchi vietati. Che siano bambini, donne, vecchi, malati e donne incinta.  Il capitano è stato chiaro: “Lavoro, pensioni, energia, bollette e cartelle esattoriali e anche la sicurezza e bloccare gli sbarchi che continuano in queste ore saranno tra le nostre priorità nel prossimo governo”. 

L’unica cosa fatta dal governo di destracentro  riguarda il blocco degli sbarchi e il decreto anti rave. Per il resto buio nero. Di lavoro non se ne parla, delle caro bollette neanche l’ombra, dei pensionati nessuno ci pensa. Pone molta attenzione, invece alle cartelle esattoriali da cancellare per salvare i farabutti che non le hanno pagate e castigare chi le tasse le ha sempre pagate regolarmente.

Questo e tanto altro è il governo di destra centro. Quello stesso governo che piace tanto ad alcuni unionisti aspirano ad un governo regionale con Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Sarà anche per questo che in Valle nessuno parla dei migranti.

Ma l’Uv che pensa? Gli autonomisti che dicono? Stella alpina che posizione ha? Tutti tacciono; quel che conta è la poltrona. I migranti possono morire in mare.

Che odioso silenzio!

piero.minuzzo@gmail.com

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore