/ Le Messager Campagnard

Le Messager Campagnard | 27 ottobre 2022, 13:54

Il nuovo rinvio del Nutriscore salva l’85% del Made in Italy, Fontina compresa

“E’ un sistema finisce paradossalmente per escludere dalla dieta alimenti sani e naturali per favorire prodotti artificiali”

Il nuovo rinvio del Nutriscore salva l’85% del Made in Italy, Fontina compresa

E’ stato accolto in maniera positiva anche in Valle d’Aosta il rinvio della presentazione della proposta di regolamento sull'etichetta nutrizionale Nutriscore, da parte della Commissione europea. Secondo Coldiretti la decisione “salva l’85% in valore del Made in Italy a denominazione di origine che rischiava di essere ingiustamente penalizzato”, sottolineando come questa confermi le perplessità sull’etichetta a colori manifestate dall’Italia e da altri Paesi. 

“Il Nutriscore è infatti un sistema di etichettatura fuorviante, discriminatorio ed incompleto che si concentra esclusivamente su un numero molto limitato di sostanze nutritive (ad esempio zucchero, grassi e sale) e sull’assunzione di energia senza tenere conto delle porzioni – sottolinea la Coldiretti - che finisce paradossalmente per escludere dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle tavole per favorire prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta”.

In questo modo si finisce paradossalmente per escludere alimenti fondamentali della dieta mediterranea, dall’olio extravergine d’oliva al Parmigiano Reggiano, così come le eccellenze delle produzioni locali, come ad esempio la Fontina.

“Questo approccio va combattuto perché fuorviante e anche perché – concludono Elio Gasco e Alessio Nicoletta, Direttore e Presidente di Coldiretti Valle d’Aosta - apre le porte al cibo sintetico, dalla bistecca fatta nel bioreattore al latte e ai formaggi senza mucche. Si tratta di una minaccia letale per l’agricoltura italiana, la salute dei consumatori e la biodiversità del pianeta, oltre che una vera e propria catastrofe per un territorio di montagna come quello della Valle d’Aosta, in cui la presenza delle aziende agricole, è garantista della tenuta di tutto l’ecosistema montano e la salvaguardia dell’intera economia regionale.”

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore