/ Consiglio Valle

Consiglio Valle | 28 settembre 2022, 13:14

Convocato il Consiglio Valle del post elezioni

L'Assemblea tratterà una risoluzione dei gruppi Lega VdA e FI per il rispetto degli obiettivi in materia di turismo, commercio e beni culturali previsti nel DEFR 2022-2024

Convocato il Consiglio Valle del post elezioni

Il Consiglio Valle è convocato in via ordinaria mercoledì 5 e giovedì 6 ottobre 2022, a partire dalle ore 9.00, per discutere un ordine del giorno composto di 54 oggetti, di cui 22 rinviati dalle precedenti adunanze.

Le interrogazioni in discussione sono 9, di cui una del gruppo Forza Italia che chiede di conoscere la tempistica di presentazione al Consiglio regionale del Piano della povertà della Valle d'Aosta.

Sono sei le interrogazioni del gruppo Lega Vallée d'Aoste: motivi della diminuzione dei fondi del Programma di sviluppo rurale (PSR) 2023-2027 assegnati alla Valle d'Aosta; azioni di sostegno al "Matterhorn Cervino Speed Opening" e degli eventi collaterali alle gare di Coppa del mondo; mancanza di POS su alcuni autobus in servizio sul territorio; criteri adottati dai centri per l'impiego per la selezione di figure professionali adatte al collocamento mirato; état actuel de la convention du prêt gratuit du siège de l'Association Valdôtaine Archives Sonores; stima della carenza di personale sanitario, professionale e tecnico della sanità territoriale e di quella ospedaliera.

Il gruppo Progetto Civico Progressista ha proposto due interrogazioni: con la prima si chiede conto delle problematiche sulle nuove tessere sanitarie senza microchip rispetto all'utilizzo dei buoni pasto elettronici mentre la seconda interroga il Governo sull'applicazione delle tariffe agevolate ai titolari della Carta europea della disabilità da parte dei gestori degli impianti di risalita.

Le interpellanze iscritte all'ordine del giorno sono ventotto, di cui cinque del gruppo Forza Italia: utilizzo del tirocinio extracurricolare in Valle d'Aosta; ruolo dei centri per l'impiego nella gestione del reddito di cittadinanza; piano di riorganizzazione della rete ospedaliera; piano di interventi e servizi a favore delle persone con disabilità; valutazioni sul modello organizzativo dell'Unità di Valutazione multidimensionale della disabilità.

Sono tredici le interpellanze del gruppo Lega Vallée d'Aoste: introduzione di corsi-concorsi per la selezione del personale dirigente regionale; riforma della legge regionale n. 22/2010 sull'organizzazione dell'Amministrazione regionale relativamente alla figura del coordinatore; interlocuzioni con il management del Casinò de la Vallée sul progetto di rilancio annunciato dall'Amministratore unico; interlocuzioni con tutti i soggetti coinvolti nell'attuazione del progetto di elettrificazione della tratta ferroviaria Aosta/Ivrea ricompreso nel Piano nazionale di ripresa e resilienza; interventi per la riduzione della velocità dei veicoli sul tratto di strada regionale n. 46 nel comune di Antey-Saint-André; soluzioni al transito di pedoni nel tratto di strada regionale che collega il ponte di Issogne alla rotonda nel comune di Verrès; rifinanziamento nel corso dell'esercizio 2022 delle misure per il contenimento dei costi energetici delle famiglie e a favore degli investimenti delle imprese, finanziate con la legge regionale n. 21/2022; finanziamento per la costruzione del nuovo Palazzetto del ghiaccio di Aosta; modifica del modello di organizzazione della rete regionale di offerta diagnostica di laboratorio; coinvolgimento della farmacia ospedaliera nella risoluzione delle criticità connesse all'esternalizzazione del servizio da parte dell'AUSL; motivi del ritardo del piano triennale 2022-2024 degli interventi contro la violenza di genere; tempestiva attivazione delle cure palliative domiciliari a pazienti oncologici; motivi della rinuncia da parte della Regione delle risorse stanziate dallo Stato per interventi sull'inclusione delle persone con disabilità.

Il gruppo Pour l'Autonomie illustrerà due interpellanze: la prima riguarda la pubblicazione sul sito istituzionale delle procedure selettive del personale regionale e degli enti del comparto unico; la seconda affronta le problematiche relative alla produzione di neve artificiale a seguito della crisi energetica.

Le interpellanze del gruppo Progetto Civico Progressista sono otto: rinnovo del contratto del comparto unico regionale; mandato a CVA per lo sviluppo di azioni a sostegno del sistema produttivo valdostano; promozione di un organico di diritto più vicino alle esigenze della scuola e informazioni sulle cattedre ancora vacanti; approvazione del Piano regionale di decarbonizzazione finalizzato all'obbiettivo del fossil fuel free per il 2040; procedura regionale per la registrazione delle Disposizioni anticipate di trattamento nel fascicolo sanitario elettronico; implementazione delle risorse dell'Unità di valutazione multidimensionale della disabilità e programmazione dei servizi sul territorio; risoluzione del problema della carenza di medici di medicina generale e di continuità assistenziale; risultati dell'audit interno all'Azienda USL e modalità di assegnazione degli incarichi di posizione organizzativa.

Il Consiglio discuterà sei mozioni, di cui una del gruppo Forza Italia per chiedere misure di sostegno per mitigare gli effetti negativi dovuti ai rincari del mercato dell'energia.

Il gruppo Lega Vallée d'Aoste illustrerà quattro mozioni: avvio di una campagna informativa di sensibilizzazione degli utenti della strada sui pericoli derivanti da comportamenti contrari al codice; attuazione della legge regionale 11/2021 in materia di prelievo, cattura ed eventuale abbattimento di esemplari monitorati di canis lupus per la conservazione dei pascoli di montagna; inserimento nel calendario venatorio 2022-2023 della caccia alla pernice bianca e alla lepre variabile; attuazione della legge regionale 19/2021 in materia di equo compenso dei professionisti.

Una mozione presentata dal gruppo Progetto Civico Progressista vuole impegnare il Governo a istituire un tavolo di lavoro per la modifica della legge regionale sulla disabilità.

Infine, l'Assemblea tratterà una risoluzione dei gruppi Lega VdA e FI per il rispetto degli obiettivi in materia di turismo, commercio e beni culturali previsti nel DEFR 2022-2024.

red

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore