/ VIABILITÀ E MOBILITÀ

VIABILITÀ E MOBILITÀ | 10 agosto 2022, 14:26

La ferrovia ancora nel mirino delle Consigliere Erika Guichardaz e Chiara Minelli

Dopo le notizie di ieri riguardanti la situazione creatasi ad Ivrea in merito al progetto di elettrificazione della ferrovia e considerato il silenzio della Regione Valle d'Aosta, hanno depositato come gruppo consiliare una interrogazione a risposta scritta

Chiara Minelli e Erika Guichardaz

Chiara Minelli e Erika Guichardaz

Chiara Minelli e Erika Guichardaz, del Gruppo Progetto Civico Progressista, vogliono capire quali sono le intenzioni della Giunta, ma soprattutto vogliono che le metta nero su bianco nel ricordare che nell'aprile 2021, dietro richiesta della Regione Valle d'Aosta, il progetto di elettrificazione della tratta Ivrea-Aosta è stato inserito nel PNRR, e che ciò consente non solo di assicurare la copertura finanziaria, ma anche di avere procedure accelerate e tempi definiti per la realizzazione dell'opera;

Sottolineato che il progetto definitivo di elettrificazione è stato inviato a tutte le amministrazioni pubbliche interessate e che sono ormai in scadenza i tempi per la presentazione delle osservazioni;.

“Appreso che prossimamente ci sarà una Conferenza dei servizi per esaminare e valutare le osservazioni presentate – le due consigliere evidenziano che il Consiglio comunale di Ivrea ha approvato il 1° agosto un ordine del giorno rimarcando il disagio che deriverebbe ad una parte della città a causa dei cantieri di ampliamento della galleria ferroviaria per l'uscita da Ivrea verso Aosta”.

 

Nei giorni scorsi ci sono state interlocuzioni fra rappresentanti del Comune di Ivrea, parlamentari piemontesi e Ministero delle Infrastrutture nel corso delle quali “sarebbe stato ipotizzato di non elettrificare un Km della tratta di 80 Km, quello corrispondente alla galleria in uscita da Ivrea”. La cosa, secondo Minelli e Guichardaz “è assurdo ipotizzare un'opera del valore di oltre cento milioni di euro che rimarrebbe in tal modo incompiuta e che consentirebbe l'accesso in Valle d'Aosta solo ad alcune tipologie di treni con particolari caratteristiche e dispositivi”.

Per le due consigliere “una simile assurdità condannerebbe la ferrovia valdostana anche in futuro ad una inaccettabile marginalità”.

Chiara Minelli e Erika Guichardaz voglione sapere dal Presidente della Regione quattro cose:

quali osservazioni sono state presentate dalla Regione Valle d'Aosta sul progetto definitivo di elettrificazione della tratta Ivrea-Aosta;

quali posizioni sono state o saranno sostenute dalla Regione Valle d'Aosta nella Conferenza dei servizi sul progetto di elettrificazione;

se la Regione abbia provveduto a comunicare tempestivamente al Comune di Ivrea, alla Regione Piemonte, al Ministero delle infrastrutture e a RFI la sua netta contrarietà ad accorgimenti che prevedano una elettrificazione incompleta della tratta;

quali azioni sono state concordate e condotte con i parlamentari valdostani per contrastare l'opposizione alla elettrificazione della ferrovia valdostana.  

pyred

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore