/ Informazioni pratiche

Informazioni pratiche | 29 luglio 2022, 07:08

Olio di cbd: cos’è e come funziona

Caratterizzato da ottime proprietà terapeutiche e acquistabile online, è un articolo molto diffuso che sta attirando l’attenzione di un numero sempre maggiore di consumatori.

Olio di cbd: cos’è e come funziona

L’olio di CBD è un prodotto popolare nel mondo del beauty e nel settore medico. Caratterizzato da ottime proprietà terapeutiche e acquistabile online, è un articolo molto diffuso che sta attirando l’attenzione di un numero sempre maggiore di consumatori. In questo articolo esploriamo quali sono le origini e le potenzialità del mercato del CBD online, quali sono le principali tipologie in commercio, nonché le più importanti differenze con gli altri tipi di olio sul mercato.

I CANNABINOIDI DELLA CANNABIS SATIVA

L’acronimo CBD sta per cannabidiolo, una sostanza naturale ricavata dalle infiorescenze femminili dei fiori di canapa. Varietà appartenente alla famiglia della Cannabis Sativa e utilizzata per anni a scopi terapeutici, contiene altri principi attivi che prendono il nome di cannabinoidi; i principali sono il THC o tetraidrocannabinolo e il CBN o cannabinolo. Ognuno di questi composti naturali è caratterizzato da elementi in comune e caratteristiche in contrasto.

CBD e THC, per esempio, godono di ottime proprietà terapeutiche. Ambedue, infatti, presentano una struttura molto simile a quella degli endocannabinoidi, molecole prodotte naturalmente dal corpo umano che, interagendo con il sistema endocannabinoide, regolano gran parte delle funzioni vitali. A causa di questa somiglianza strutturale cannabidiolo e tetraidrocannabinolo possono stimolare a loro volta il sistema e interagire con il corpo. Approfondiremo in seguito quali sono le conseguenze di questa interazione.

La principale differenza tra i due cannabinoidi, invece, è la componente psicoattiva: il THC è considerato a tutti gli effetti uno stupefacente e, pertanto, è sottoposto a rigide restrizioni a livello legale in quasi tutti i paesi del mondo; quest’ultimo non può essere utilizzato a fini ricreativi ma, a causa della sua componente terapeutica, è impiegato in alcune particolari situazioni cliniche; in questo caso parliamo di Cannabis medica. Il cannabidiolo, d’altro canto, è una sostanza vegetale, sicura e non psicoattiva. L’assunzione di CBD non provoca dipendenza e non altera in alcun modo lo stato di coscienza della persona. Al contrario, questo è in grado di apportare enormi benefici a livello fisico e psicologico.

IL MERCATO DEL CBD

Cannabidiolo e tetraidrocannabinolo sono spesso impropriamente associati: lo scarso livello di informazione che caratterizza questo settore di produzione ha portato alla creazione di credenze errate e falsi miti che legano il CBD alla sfera della droga e dell’illegalità. Come già precedentemente affermato, però, il cannabidiolo non è un narcotico ma una sostanza legale e benefica.

Le voci discriminanti il mondo del CBD non hanno arrestato lo sviluppo notevole e costante che ha recentemente caratterizzato questo ramo di produzione: negli ultimi anni il numero di curiosi continua a crescere e sempre più persone scelgono di integrare il cannabidiolo nella loro routine.

L’aumento della domanda ha portato alla creazione di moltissime alternative sul mercato. Ad oggi chiunque può trovare prodotti commestibili ma anche articoli per la cura del corpo e della pelle contenenti cannabidiolo. Creme, lozioni, pomate, bevande sono solo alcune delle proposte attualmente disponibili. Tra i prodotti più scelti rientra l’olio di CBD, conosciuto anche come olio di canapa, olio di cannabis, olio di cannabidiolo o CBD oil.

L’OLIO DI CBD

I fiori di Cannabis Sativa contengono altissime percentuali di CBD. Sottoponendoli a lunghi processi di lavorazione è possibile estrarre il principio attivo e utilizzarlo per creare il richiestissimo olio di CBD. Prodotto naturale dalle ottime proprietà benefiche, questo non contiene solo buone quantità di cannabidiolo ma anche altre sostanze salutari per il corpo come vitamine, minerali e acidi grassi; solitamente comprende anche un olio vettore, ovvero un altro olio vegetale come quello di semi di canapa, quello di oliva o quello di cocco.

Il cosiddetto olio isolato - una delle 3 tipologie di olio presenti sul mercato - contiene esclusivamente CBD. Il cannabidiolo, però, non è l’unico cannabinoide presente all’interno del CBD oil. L’olio CBD Broad Spectrum, il secondo tipo acquistabile, contiene tutti i cannabinoidi eccetto il THC.

La terza classe di prodotti in commercio è quella dei CBD oil Full Spectrum. Questi oli comprendono una piccola percentuale di THC inferiore al 2% e sono articoli ideali per chiunque desideri godere delle potenzialità curative dei cannabinoidi della Cannabis senza rischi di alcun tipo. Quantità così basse di tetraidrocannabinolo, infatti, sono legalmente consentite in quanto non provocano nessun tipo di ripercussioni psicoattive. La presenza di THC, al contrario, contribuisce alla creazione dell’effetto entourage: l’azione combinata di tutti i cannabinoidi amplifica gli effetti terapeutici dell’olio e regala grandi benefici.

I BENEFICI DEL CBD OIL

Articolo diffusissimo nel mondo della cosmetica, i benefici del CBD oil sono davvero molti. Le sue proprietà antidolorifiche, antinfiammatorie, rilassanti e lenitive hanno fatto di questo prodotto un articolo in grado di donare sollievo e conforto. L’olio di CBD è utilizzato da atleti e sportivi per accelerare il recupero muscolare, curare o prevenire crampi, stiramenti o fratture anche gravi.

Spalmare una quantità controllata di olio di cannabis sul viso aiuta a ridurre i fastidiosi sintomi di una delle patologie che più scolpiscono gli adolescenti, l’acne. Idratando e disinfiammando la pelle, il CBD oil riduce visivamente gonfiore, arrossamenti e inestetismi. Ideale anche in caso di scottature, è un prodotto davvero molto diffuso.

Un’altra classe di consumatori di olio di canapa è rappresentata da tutte quelle persone - uomini, donne, giovani, anziani, atleti, lavoratori, casalinghi, coppie - che soffrono di stress, depressione, ansia da prestazione o disturbi del sonno. Spesso e volentieri queste patologie sono strettamente correlate e l’integrazione di olio al CBD costituisce un buon alleato in grado di alleviare i sintomi peggiori e regalare sollievo. Ansiolitico e antidepressivo, è un rimedio naturale e sicuro che può sostituire o accompagnare alcuni medicinali. Prima di iniziare ad assumerlo, però, è sempre meglio discuterne con il proprio medico di base.

L’OLIO DI SEMI DI CANAPA E L’OLIO DI MARIJUANA

Al fine di comprendere a pieno che cos’è l’olio di CBD e quali sono le sue incredibili potenzialità, è bene approfondire quali sono le differenze sostanziali con altri due tipi di olio in commercio, l’olio di semi di canapa e l’olio di marijuana - conosciuto anche come olio di THC o olio di hashish -.

Come già affermato, il CBD oil è estratto dalle infiorescenze femminili della canapa. L’olio di semi di canapa, diversamente, deriva dalla lavorazione dei semi della pianta. Portatore di moltissime proprietà benefiche, non contiene però cannabinoidi. D’altro canto, è ricco di tutti gli altri elementi presenti all’interno dell’olio di cannabidiolo come fibre, minerali, acidi grassi e omega 3.

L’olio di marijuana o di THC, invece, deriva da un’altra varietà della famiglia della Cannabis Sativa detta appunto marijuana. A differenza della canapa, questa è sottoposta a tecniche di coltivazione che puntano alla conservazione di percentuali di tetraidrocannabinolo quanto più alte possibili. Lo scopo è proprio quello di sfruttarne le proprietà psicoattive. L’olio di hashish o di marijuana contiene quantità molto elevate di THC ed è legale solo se utilizzato a fini terapeutici ed esclusivamente sotto prescrizione medica.

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore